menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rete di spaccio tra Catania e Messina, eseguite 4 ordinanze di custodia in carcere

I carabinieri di Messina hanno eseguito quattro ordinanze di custodia cautelare in carcere per “associazione a delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti e detenzione di sostanza stupefacente

i carabinieri di Messina hanno eseguito quattro ordinanze di custodia cautelare in carcere per “associazione a delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti e detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio”. Gli arresti di oggi si inseriscono nel più ampio contesto criminale disarticolato con l’indagine “Intreccio” condotta dai Carabinieri del Nucleo Investigativo di Messina.

Il 17 luglio del 2014, infatti, nelle province di Messina e Catania, i carabinieri hanno eseguito 11 misure cautelari personali emesse dal G.I.P. del Tribunale di Messina nei confronti di altrettanti soggetti indagati a vario titolo per reati associativi in materia di stupefacenti ed armi. Le indagini, condotte tra il 2011 ed il 2012, oltre che individuare l’organizzazione malavitosa messinese smantellata a luglio del 2014, hanno svelato l’esistenza e l’operatività di una autonoma cellula criminale, dedita al traffico ed allo spaccio di droga.

Per questo motivo, la Direzione Distrettuale Antimafia di Messina aveva rimesso i relativi atti di indagine ai colleghi di Catania, competenti per territorio, che hanno richiesto al G.I.P. i provvedimenti di custodia odierni. Nel dettaglio, le indagini, condotte dai Carabinieri del Nucleo Investigativo di Messina, hanno consentito di far luce su una associazione finalizzata al traffico ed allo spaccio di sostanze stupefacenti, operante nel capoluogo etneo.

Nel corso delle investigazioni, avviate nel dicembre del 2011 dagli esiti di una serie di intercettazioni telefoniche ed ambientali disposte nell’ambito di un’altra attività d’indagine, sono infatti emersi elementi di prova a carico degli odierni arrestati tali da far ritenere l’esistenza di una, contenuta nel numero, ma agguerrita associazione a delinquere finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti, in particolare cocaina, operante nella città di Catania e nell’hinterland.

Le indagini hanno appurato che il ruolo centrale veniva rivestivo da uno degli individui che si occupava della gestione dell’organizzazione con autorevolezza, impartendo ai consociati disposizioni per la realizzazione delle operazioni di acquisto e rivendita dello stupefacente, la tenuta della contabilità necessaria a garantire gli approvvigionamenti e la raccolta del denaro necessario mediante la puntuale riscossione dei crediti, il cui adempimento veniva inesorabilmente preteso anche con modalità minacciose.

Chelui avesse un ruolo apicale, lo dimostra anche il fatto che veniva chiamato dagli altri componenti “zio”, quasi a volerne sottolineare l’autorevolezza. Le attività investigative hanno consentito di individuare il ruolo assunto dagli altri consociati permettendo di rilevare che colui che svolgeva una funzione per molti aspetti intercambiabile con quella del responsabile era Cosentino Antonino che lo coadiuvava anche nell’approvvigionamento della droga da spacciare, mentre Ecora Agatino era il più stretto e stabile collaboratore l’organizzatore consegnava la droga di cui il gruppo si riforniva, accompagnandolo nelle spedizioni finalizzate all’acquisto e con il quale cooperava nella riscossione dei crediti.

Infine Arena Luigi era specificatamente addetto all’attività di spaccio al minuto della droga con il contestuale compito di riscuotere dagli acquirenti i relativi crediti. Nel corso delle indagini i militari dell’arma hanno accertato ancora come gli spacciatori preferissero i contatti diretti con i clienti e quando erano costretti ad affidarsi ai telefoni cellulari, tutti adottavano particolari cautele per “criptare” la conversazione parlando di “motorino”, “macchina” o “camion” per intendere lo quantità dello stupefacente da spacciare. In qualche caso il quantitativo veniva indicato con il valore corrispondente (ad esempio “50 euro”). Sono ancora in corso le ricerche del quarto sfuggito alla cattura. Dopo le formalità di rito i tre arrestati sono stati associati nel carcere di Piazza Lanza.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Le mascherine per proteggere la salute dei bambini

Sicurezza

Fughe delle piastrelle: i prodotti da utilizzare

social

Forno a microonde: quali cibi non cucinare al suo interno

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento