Cronaca

Traffico di droga nella valle dell'Alcantara, eseguiti 26 arresti

Fino al lockdown, lo spaccio avveniva in alcune discoteche e locali della movida notturna taorminese sulla base degli storici accordi di spartizione delle piazze di spaccio stretti tra i clan mafiosi Brunetto e Cintorrino, che fanno affari anche nell'area di Giarre, Fiumefreddo e Calatabiano

I carabinieri del Comando Provinciale di Messina hanno eseguito un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip, su richiesta della Dda guidata dal procuratore Maurizio de Lucia, nei confronti di 26 persone accusate a vario titolo di associazione finalizzata al traffico e detenzione di droga ed estorsione. Per 13 è stato disposto il carcere, per gli altri 13 i domiciliari. L'indagine, condotta dai carabinieri di Taormina, ha colpito una rete di distribuzione della droga che operava nelle località turistiche messinesi di Taormina e Giardini Naxos e in vari centri urbani della valle dell'Alcantara.

Fino al lockdown, lo spaccio avveniva in alcune discoteche e locali della movida notturna taorminese sulla base degli storici accordi di spartizione delle piazze di spaccio stretti tra i clan mafiosi Brunetto e Cintorrino, che fanno affari anche nel catanese, spostandosi nell'area di Giarre, Fiumefreddo e Calatabiano, ed alimentano e controllano anche il fiorente mercato degli stupefacenti nelle località turistiche della riviera ionica messinese. Nel corso delle indagini, sono stati eseguiti numerosi arresti in flagranza e sequestri che hanno documentato il business delle due organizzazioni criminali che si servivano di numerosi giovani, tra cui molti minorenni, per lo spaccio di cocaina, hashish e marijuana e ricorrevano all'intimidazione e alla violenza per il recupero dei crediti maturati dalla vendita della droga.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Traffico di droga nella valle dell'Alcantara, eseguiti 26 arresti

CataniaToday è in caricamento