Spaccio e detenzione di armi, sconterà la pena ai domiciliari

Giovanna Carmelina Bartolotta del 1969 è stata riconosciuta colpevole in via definitiva

Nei giorni scorsi, personale del commissariato Librino ha dato esecuzione a un provvedimento di misura alternativa in regime di detenzione domiciliare, emesso dalla locale Procura della Repubblica - Ufficio Esecuzioni Penali nei confronti di Giovanna Carmelina Bartolotta del 1969.

La donna riconosciuta colpevole in via definitiva per produzione, traffico e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e detenzione di armi, commessi in Catania in data 13.10.2016, ha riportato una condanna pari ad anni 3 e mesi 4 di reclusione. Eseguiti gli adempimenti di rito la donna è rimasta ristretta presso la propria abitazione in regime di detenzione domiciliare per scontare il periodo di pena alla quale è stata condannata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

Torna su
CataniaToday è in caricamento