Vede i carabinieri e chiede loro scusa: a casa aveva 40 dosi di eroina

Ha consegnato ai militari un involucro contenente ben 40 dosi di eroina ed una somma di denaro di 144 euro

I carabinieri di Adrano hanno arrestato il 32enne Antonino Restivo con l'accusa di detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio. Nella serata di ieri, durante un posto di controllo in via Rosario Di Salvo, i militari hanno notato l’approssimarsi di un furgone Ford Transit con targa tedesca il cui guidatore, dopo aver fermato la marcia accostando il veicolo al marciapiede per poter parlare con un uomo, era subito ripartito allontanandosi velocemente avendo scorto la loro presenza. Immediatamente i militari hanno raggiunto il furgone identificando il conducente che però, stranamente, ha chiesto loro scusa per un suo non meglio specificato sbaglio. Promettendo, tra l’altro, che lo non avrebbe più commesso in futuro. I militari, tra l’incredulità e l’incomprensione per il comportamento dell’uomo, hanno comunque provveduto a sottoporlo a perquisizione personale e veicolare senza trovare alcunchè. La loro caparbietà li ha indotti ad approfondire la ricerca presso l’abitazione dell’uomo sita in quella via IV Novembre. Verosimilmente per alleviare il peso delle sue future responsabilità penali, estraendolo da un borsello posto all’interno di un armadio nella camera da letto, Restivo ha consegnato ai militari un involucro contenente ben 40 dosi di eroina ed una somma di denaro di 144 euro, ritenuta provento dell’attività di spaccio. L’arrestato quindi, espletate le formalità di rito, è stato sottoposto agli arresti domiciliari in attesa delle determinazioni dell’autorità giudiziaria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento