Giarre, padre e figlio colpiti dal divieto di acceso a pubblici esercizi

Sono stati protagonisti di una violente lite con sparatoria in un centro commerciale di Riposto lo scorso 30 ottobre

I carabinieri di Giarre hanno notificato ad Agatino Guerrera, 48enne, un provvedimento di divieto di accesso ai pubblici esercizi, emanato dal questore su proposta dei militari stessi. Il provvedimento è stato applicato anche al figlio 19enne Riccardo Guerrera, in considerazione del tentato omicidio commesso all’interno di un centro commerciale di Riposto. Si sono infatti resi responsabili di minaccia, lesioni e danneggiamento in concorso all’interno di un bar lo scorso 30 ottobre. Il ragazzo ha esploso dei colpi di pistola, colpendo il titolare di un esercizio commerciale dopo un litigio nato per futili motivi.

La decisione è stata presa anche in considerazione degli altri precedenti del 48enne Agatino Guerrera nell’ultimo triennio. Nello specifico, a quest’ultimo è stato vietato l’accesso o lo stazionamento nelle immediate vicinanze di alcuni bar del Comune di Riposto, per la durata di un anno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

Torna su
CataniaToday è in caricamento