Sparò a membro dei Cursoti che offese un suo parente, arrestato pregiudicato

Il fermo è da inserire nel quadro delle indagini condotte dalla Squadra Mobile etnea in seguito al ferimento di Ragusa Francesco, noto pregiudicato catanese noto nell'ambiente malavitoso come "Francu 'u sceriffu", condannato per associazione per delinquere di stampo mafioso in quanto già affiliato alla cosca dei Cursoti Milanesi

Ieri sera gli uomini della Polizia di Stato hanno tratto in arresto P.G. pregiudicato classe '64, ritenuto responsabile dei reati di lesioni gravissime, detenzione e porto illegale di arma da fuoco. Il fermo è da inserire nel quadro delle indagini condotte dalla Squadra Mobile etnea in seguito al ferimento di Ragusa Francesco, noto pregiudicato catanese noto nell'ambiente malavitoso come “Francu ‘u sceriffu”, condannato per associazione per delinquere di stampo mafioso in quanto già affiliato alla cosca dei Cursoti Milanesi, che il 9 marzo del 2013 era stato raggiunto da alcuni colpi d’arma da fuoco riportando una frattura scomposta del femore, giudicata guaribile con prognosi iniziale di giorni 40.

Dalle iniziali dichiarazioni della vittima, questa aveva affermato di essere stata ferita da killer non riconosciuti che, giunti a bordo di un motociclo, lo avevano affiancato in via Plebiscito gambizzandolo. La sparatoria era in realtà avvenuta nel corso di un incontro chiarificatore avvenuto presso un’agenzia di disbrigo pratiche ubicata nella stessa via Plebiscito. P.G., recatosi all’incontro armato, aveva sparato a Ragusa perchè quest'ultimo aveva divulgato notizie strettamente personali di un proprio congiunto, offendendone la reputazione. Dalle indagini si è potuta accertare la responsabilità dell'arrestato, adesso trasferito in carcere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

Torna su
CataniaToday è in caricamento