Spara al cognato per la pensione della madre, incensurato arrestato

Un incensurato di 29 anni, di Biancavilla, ha esploso un colpo di fucile dopo una violenta lite sorta per la spartizione della pensione dell'anziana madre. L'aggressore è finito in manette con l'accusa di tentato omicidio, detenzione e porto illegale di armi

Un uomo incensurato di 29 anni è stato arrestato a Santa Maria di Licodia, nel catanese, per tentato omicidio, detenzione e porto illegali di armi comuni da sparo e munizioni. A litigare hanno cominciato fratello e sorella. La situazione si è complicata quando in mezzo si è messo il cognato.

La lite è sorta a causa della spartizione della pensione dell'anziana madre. L'episodio di violenza si è verificato intorno alla mezzanotte di giovedì scorso, quando l'uomo 29enne, recatosi presso l'abitazione del cognato 43enne e al culmine di una discussione per rancori familiari avrebbe imbracciato un fucile esplodendo un colpo in direzione del congiunto il quale, riparandosi dietro al portone dell'immobile, e' riuscito a rimanere illeso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

Torna su
CataniaToday è in caricamento