Martedì, 21 Settembre 2021
Cronaca Acireale

Sparatoria Santa Maria degli Ammalati, l'Arma si stringe attorno al vice brigadiere ferito

In una nota ufficiale l'Arma dei carabinieri: "Ha messo il senso del dovere e lo spirito di servizio davanti a ogni altra considerazione". Le condizioni del vice brigadiere Grasso rimangono intanto "stazionarie" dopo un delicato intervento neurochirurgico che si è concluso in mattinata

Il comandante generale dell'Arma, il generale Teo Luzi, e i carabinieri tutti si stringono attorno al vice brigadiere Sebastiano Giovanni Grasso, della stazione di Aci Sant'Antonio, rimasto gravemente ferito al collo da un colpo di arma da fuoco esploso nell'ambito di una rissa, scoppiata ieri per futili motivi.

Così in una nota ufficiale l'Arma dei Carabinieri. "Ha messo il senso del dovere e lo spirito di servizio davanti a ogni altra considerazione e, malgrado libero dal servizio stesse partecipando alla prima comunione del figlio, non ha esitato un istante a intervenire a supporto dei colleghi che stavano tentando di sedare l'alterco. Una vittima dell'immane battaglia che i carabinieri, assieme alle altre forze di polizia, combattono per garantire sicurezza e serenita' ai cittadini, con grande generosita' ogni giorno sempre al servizio del Paese. Il valoroso vicebrigadiere Grasso paga con gravi conseguenze fisiche l'aver messo la sua vita al servizio delle Istituzioni e dei cittadini".

La solidarietà dell'Istituzione al militare è stata espressa immediatamente dal Comandante Interregionale "Culqualber", generale Gianfranco Cavallo, che ha visitato il militare all'ospedale Cannizzaro di Catania. 

Le condizioni del vice brigadiere Grasso rimangono "stazionarie" come spiegato dal direttore Generale dell'ospedale Cannizzaro di Catania, in cui il militare si trova ricoverato dopo un delicato intervento neurochirurgico che si è concluso in mattinata.

Condizioni stazionarie "pur nella severità del quadro clinico - ha spiegato Giuffrida - atteso che la lesione che ha interessato la sesta vertebra cervicale ha determinato importanti reliquati che dovranno essere valutati successivamente". Il direttore Generale dell'ospedale catanese ha poi aggiunto: "Abbiamo iniziato subito il percorso riabilitativo. Il responsabile dell'Unità spinale, la dottoressa Onesta, ha fatto una prima valutazione clinica circa le condizioni del paziente per quanto riguarda la possibilità del recupero funzionale".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sparatoria Santa Maria degli Ammalati, l'Arma si stringe attorno al vice brigadiere ferito

CataniaToday è in caricamento