Spedalieri, catene nei cancelli: studenti bloccano le prove Invalsi

Cinque gli studenti denunciati, tutti riconosciuti per essere già noti alla Digos quali appartenenti al “collettivo autonomo studentesco” articolazione del centro sociale “Liotru”

Nell’ambito dei servizi espletati nei giorni scorsi dalla Digos della Questura di Catania, volti a garantire il regolare svolgimento delle prove concorsuali “Invalsi” a carattere nazionale nei vari Istituti scolastici, sono stati segnalati alla Procura della Repubblica per i Minorenni, 5 studenti, di cui alcuni appartenenti al Liceo classico Spedalieri in ordine al reato di interruzione di pubblico servizio.

I fatti si sono svolti la mattina dello scorso 9 maggio, dove un gruppo di studenti avevano apposto delle catene ai due cancelli d’ingresso allo scopo di impedire lo svolgimento delle prove “Invalsi” che si tenevano a livello nazionale. Già alle 7.00, alcuni studenti che capeggiavano la protesta avevano riferito al personale docente di voler solo esternare la propria protesta contro le suddette prove Invalsi e che avrebbero tolto le catene alle 8.00, consentendone comunque il regolare svolgimento. La promessa, però, non ha trovato seguito nei fatti, così che è stato richiesto l’intervento della Polizia di Stato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Dopo un’ora abbondante, nel corso della quale i poliziotti si sono trovati di fronte al rifiuto dei giovani di rimuovere le catene, gli agenti sono stati costretti a richiedere l’intervento dei Vigili del Fuoco che le hanno tranciate; solo alle 09.10, l’attività scolastica e le procedure di esame hanno potuto avere inizio. Inoltre da un’attenta disamina dei video delle telecamere installate sul perimetro dell’Istituto scolastico, si sono acquisite prove dell’arrivo e delle condotte di questi cinque studenti che si adoperavano per appore le catene, tutti riconosciuti per essere già noti alla Digos quali appartenenti al “collettivo autonomo studentesco” articolazione del centro sociale “Liotru”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Incidente sulla Palermo-Catania, illeso il cantante neomelodico De Martino: morto un 60enne

  • Coronavirus, impennata dei contagi in Sicilia (+578) e 10 morti: a Catania 154 nuovi casi

  • Voleva dimagrire, muore dopo una settimana di prodotti sostitutivi: indagati due medici

  • Arrestato anche il secondo rapinatore della gioielleria di via Umberto

  • Aumento esponenziale dei casi di Coronavirus, Randazzo è zona rossa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento