Fanno la spesa, ma non possono pagare: due cittadini identificati

Ieri pomeriggio in un supermercato due clienti si sono diretti all’uscita con alcune buste della spesa, asserendo di non poter pagare ed hanno reagito violentemente

A causa dell’emergenza Coronavirus aumentano anche a Catania disagio sociale povertà, disperazione. Su questa nuova trincea si ritrovano anche i lavoratori-eroi dei supermercati. "Per loro, chiediamo che istituzioni e aziende individuino subito soluzioni di effettiva tutela. Rivendichiamo, però, anche azioni di assistenza concreta dagli enti pubblici per i cittadini e le famiglie che stanno letteralmente soffrendo i morsi della fame. È tempo di solidarietà, non di egoismi e freddi calcoli”. Lo affermano i segretari generali di Uil e UilTucs Catania, Enza Meli e Giovanni Casa, dopo avere avuto notizia che ieri pomeriggio in un supermercato del centro cittadino due clienti si sono diretti all’uscita con alcune buste della spesa, asserendo di non poter pagare. Raggiunti da personale del punto-vendita, hanno reagito violentemente e in seguito sono stati identificati dalle forze dell’ordine.

“Ancora una volta, dobbiamo denunciare la condizione in cui si ritrovano a operare i dipendenti della Distribuzione organizzata. Avevamo già protestato - continuano Enza Meli e Giovanni Casa - dopo avere constatato numerosi casi di mancata dotazione di dispositivi di protezione individuale, specie per i cassieri. Adesso gli assalti al supermercato, che si sono verificati in questi giorni in Sicilia, aggiungono ulteriori motivi di preoccupazione perché lavoratrici e lavoratori mettono a repentaglio l’incolumità fisica, oltre a esporsi a elevati rischi di contagio per il venir meno di ogni misura di sicurezza quando devono affrontare clienti intenzionati a non pagare. Siamo certi che il prefetto, col quale in queste settimane siamo costantemente in contatto, vorrà sollevare all’attenzione del Comitato per l’ordine e la sicurezza la questione. Alle aziende - concludono - sollecitiamo che venga ovunque assicurata la presenza di vigilanti agli accessi dei punti-vendita. Una voce di costo in bilancio che riteniamo dovuta, in considerazione della eccezionale opera prestata dalle lavoratrici e dai lavoratori nei centri-vendita di alimentari”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Coronavirus, morto l'avvocato Ferlito: per lui era stato lanciato un appello ai donatori di plasma

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

Torna su
CataniaToday è in caricamento