Spese pazze Ars, Pogliese: "Fiducioso, si affermerà mia correttezza"

Il sindaco commenta la richiesta della procura a 4 anni e 3 mesi per peculato

E' arrivata una richiesta di condanna a  4 anni e 3 mesi per peculato della procura al Tribunale di Palermo nell'ambito del processo per "spese pazze" all'Ars. Il primo cittadino di Catania alle agenzie si è detto fiducioso poiché sicuro di poter dimostrare la propria correttezza rispetto ai fatti teorizzati dalla procura.

Pogliese ha inoltre sottolineato che i rimborsi sono stati anticipati di tasca propria al fine di pagare i contributi previdenziali e gli stipendi ai dipendenti del gruppo parlamentare dell'Ars, un "caso assolutamente unico nella storia parlamentare" dice il sindaco. Stessa richiesta di pena anche per l'ex deputato Cataldo Fiorenza.

Il procedimento è una parte dell'inchiesta che nel 2014 ha coinvolto oltre ottanta tra deputati regionali e dipendenti dei gruppi che, secondo le accuse, avrebbe impiegato per fini personali le somme destinate alle attività politiche degli stessi gruppi parlamentari. A novembre la parola ai difensori degli imputati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

Torna su
CataniaToday è in caricamento