Niente bagni nella spiaggia di Praiola per un cantiere aperto sulla battigia

Secondo Legambiente, che punta il dito contro i lavori di un cantiere privato, la presenza di mezzi meccanici determinerà la sospensione della balneazione

Legambiente Catania lancia l'allarme per lo stravolgimento della spiaggia di Pariola, nei pressi di Riposto, interessata da lavori per il trasporto di massi necessari alla sistemazione del costone roccioso posto ad est di strutture immobiliari private, nel comune di Pozzillo.

"Parte della spiaggia - spiega il presidente Renato De Pietro -sta diventando un’area di cantiere in cui si scaricanoenormi massi.Questo luogo è però inserito in un contesto paesaggistico e naturalistico di eccezionale interesse. Situato alla base del “Chiancone”, spettacolare falesia di natura alluvionale, è stato sottoposto in passato a vincolo di immodificabilità".

"Appare inspiegabile- che l’ufficio circondariale marittimo di Riposto e l’assessorato territorio e ambiente abbiano potuto autorizzare la devastazione di parte della spiaggia di Praiola per consentire la realizzazione di lavori da parte di privati. Tale scelta risulta ancora più incomprensibile se si considera che sono presenti porti o altri approdi alternativi dove possono essere caricati i massi necessari ai lavori".

Lo stesso sindaco di Riposto ha lamentato la mancata concertazione con l’ente comunale e la necessità, in futuro, di utilizzare l’area portuale di Pozzillo o quella di Stazzo piuttosto che la spiaggia di Praiola. Per di più l’esecuzione dei lavori determinerà la sospensione della balneazione e di qualunque altra attività legata alla fruizione del mare.

(foto wikimapia)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

Torna su
CataniaToday è in caricamento