St Microelectronics: cassa integrazione ordinaria per 2.200 lavoratori

La Cigo riguarderà 2.200 lavoratori: il reparto 8 pollici si fermerà per 25 giorni e il 6 pollici per 13 giorni. Otto giorni di stop per reparto ricerca "Lip" e la linea testing "Ews"

La St Microelectronics di Catania ha annunciato il ricorso alla cassa integrazione ordinaria nel trimestre ottobre-dicembre motivandolo con il crollo dei mercati dei personal computer e dell' automotive, e con il conseguente forte calo degli ordinativi. Lo rende noto il vice segretario nazionale dell' Ugl Metalmeccanici, Luca Vecchio, al termine dell'incontro di questa mattina tra le organizzazioni sindacali e i vertici aziendali.

La Cigo riguarderà 2.200 lavoratori: il reparto 8 pollici si fermerà per 25 giorni e il 6 pollici per 13 giorni. Otto giorni di stop per reparto ricerca 'Lip' e la linea testing 'Ews'.

Secondo il sindacato ''ancora una volta sono i lavoratori a dover pagare lo scotto non solo della crisi economica ma anche delle scelte manageriali''. Secondo l'Ugl ''sulla decisione di ricorrere alla Cigo avrà pesato anche il crack della St-Ericsson''.

''Questo è il secondo anno - ha sottolineato Vecchio - che Stm attiva la procedura di cassa integrazione senza mai ottemperare ai piani industriali. Purtroppo quella di oggi potrebbe non essere l'unica misura adottata dall'azienda per superare questo trimestre, perchè la prossima settimana il Ceo Carlo Bozotti presenterà la riorganizzazione globale della società e, quindi, l'attuale modello industriale potrebbe essere sconvolto''. L'Ugl ha auspicato che ''i programmi del management non penalizzino ulteriormente i lavoratori, lasciandoli con il fiato sospeso sul loro futuro''.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento