ST Microelectronics, la Fismic su visita viceministro Buffagni

Il segretario generale Saro Pappalardo esprime soddisfazione per le prospettive che confermano che non c'è nessuna preoccupazione per il futuro dell'azienda

"In relazione alla visita del vice ministro dello Sviluppo Economico, Stefano Buffagni intervenuto stamattina alla STMicroelectronics di Catania esprimiamo grande soddisfazione per la verifica sulle prospettive dello stabilimento di Catania che confermano quanto la Fismic ha già avuto modo di dichiarare ai lavoratori durante le assemblee ed alla pubblica opinione: nessuna preoccupazione per il futuro dell'azienda. Ringraziamo pertanto il vice ministro di aver effettuato così celermente questa verifica resasi necessaria anche in considerazione dell’inutile allarmismo creato da altre organizzazioni sindacali rispetto al futuro. Per fortuna lo stabilimento di Catania della STMicroelectronics è solido ed in salute. Lo certificano gli investimenti in corso e le oltre 400 assunzioni realizzate. L’investimento Norstel, l’acquisizione del terreno ed il fatto di essere leader nel settore del SiC (carburo di silicio) proietta questo stabilimento a rafforzarsi ulteriormente con l’auspicio che altri giovani (a partire dai summer job recenti e “storici”) possano trovare occupazione stabile. Al di là, quindi, dell’allarmismo inutile (mirato esclusivamente al consenso) fatto da altri, sono esclusivamente i fatti a parlare". Saro Pappalardo segretario generale Fismic Catania.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fa il giro del mondo e gli rubano la moto a Catania: l'appello per ritrovarla

  • Tutti pazzi per il "black friday", ecco i negozi a Catania dove trovare sconti e fare affari

  • Scontro frontale tra due auto a Pedara: feriti i conducenti

  • Auto contromano in tangenziale inseguita dalla polizia

  • Ritrovata dai carabinieri la moto rubata al travel blogger messicano

  • Smantellata piazza di spaccio alla "Fossa dei leoni": 5 arresti tra vedette e pusher

Torna su
CataniaToday è in caricamento