Stabilimenti balneari, Gaetano Galvagno (FDI): "Autorizzare i lavori o chiudere per l’estate 2020"

Ordine del giorno presentato questa mattina all'Ars per sollecitare l'autorizzazione ai lavori di messa in posa delle strutture balneari per gli operatori di categoria

L’on. Gaetano Galvagno (FDI) ha depositato un Ordine del Giorno per sollecitare la proroga delle concessioni demaniali marittime, autorizzare i lavori di messa in posa delle strutture balneari e programmare le misure di sicurezza necessarie al contenimento COVID-19 per garantire ai lidi l'esercizio dell'attività stagionale. "Ancora una volta, la Regione Siciliana resta appesa alle lungaggini del Governo centrale. Nonostante sia stata approvata la Legge di recepimento della proroga delle concessioni demaniali marittime, il provvedimento nazionale del 2018 non è stato ancora decretato. Se a questa condizione di incertezza sommiamo la paralisi dettata dall’emergenza da COVID-19 che interessa anche la stagione balneare, il quadro che si presenta non è dei più incoraggianti per la nostra già fragile economia", commenta l’on. Galvagno. "Pertanto, ritengo urgente e opportuno coinvolgere l’Assemblea Regionale Siciliana, portando avanti le istanze presentate dal vicepresidente di “Base Balneare”, Paolo Battiato, per garantire intanto i lavori preparatori indispensabili per la ripresa delle attività balneari, la programmazione delle misure di sicurezza necessarie per contrastare e contenere il contagio da COVID-19 e sollecitare il decreto attuativo dell’estensione di proroga delle concessioni demaniali marittime», prosegue il parlamentare regionale ponendo l’aut-aut: «Se non si procede adesso e in tempi celeri è inutile alimentare false speranze costruite sulla base dell’ipotesi di concedere autorizzazioni a giugno perché gli operatori non avrebbero la tempistica necessaria per far partire la stagione". "La Sicilia, per ovvi motivi, ha l'immediata esigenza di preparare il campo per la stagione estiva alle porte», aggiunge Alberto Cardillo, coordinatore provinciale di FDI. «Nonostante l'emergenza bisogna agire con saggezza, mettendo i mezzi per avviare la ‘fase 2’, avendo ben presente che il settore balneare è un traino essenziale per l'economia del turismo siciliano. Permettere l'avvio dei lavori di preparazione dei lidi ed estendere le concessioni - continua il coordinatore provinciale - sono precondizioni essenziali". "L’interlocuzione avviata da FdI con “Base Balneare” - puntualizza Alberto Cardillo - ci permette di andare incontro alle esigenze del settore, nel tentativo di salvare centinaia di aziende e migliaia di posti di lavoro. Ringrazio il solerte lavoro del nostro gruppo parlamentare all’ARS e, in modo particolare, l'On. Gaetano Galvagno, sempre attento alle istanze che provengono dal territorio e dalle diverse rappresentanze sociali, delle imprese e dei lavoratori".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento