Regione: incontro sulla stabilizzazione dei precari negli enti locali

Si à svolta a Palermo presso L'Assemblea Regionale Siciliana - Sala Gialla - la riunione dell'Intergruppo Parlamentare per il Lavoro e lo Sviluppo per trattare la problematica dei precari degli Enti Locali

Si à svolta a Palermo presso L’Assemblea Regionale Siciliana – Sala Gialla – la riunione dell’Intergruppo Parlamentare per il Lavoro e lo Sviluppo per trattare la problematica dei precari degli Enti Locali. Erano presenti: l’Assessore Regionale al Lavoro, il responsabile della Ragioneria Generale, il Dirigente Generale Dipartimento della Funzione Pubblica e del Personale, il Dirigente Generale del Dipartimento Regionale del Lavoro, il Presidente dell’A.N.C.I., il delegato U.R.P.S., diversi Presidenti dei Gruppi Parlamentari ARS e le OO.SS.

Il primo risultato ottenuto, con le azioni di protesta, è stato quello di far sedere, gli attori principali preposti alla soluzione, tutti attorno ad un unico tavolo. Il dato ufficiale che emerge finalmente, sono i numeri: si parla complessivamente di 18.497 lavoratori di cui 15.417 in servizio tra Comuni e Provincie e 3.080 in servizio in altri enti, il cui costo complessivo ammonta ad € 241.969.589,44.

Nella nota inviata a firma di Pippo Scornavacche (FAIDEL), Salvo Cappuccino (FAIDEL), F. Paolo Failla (FAIDEL), Salvo Scuderi (SLAI COBAS), Orazio Calì (SLAI COBAS), Emilia Messina (USB), Stefania Malgioglio (SILPOL), si legge: "L’appuntamento al quale la regione Siciliana dovrà arrivare preparata è la conferenza Stato Regioni convocata per giorno 6 Giugno 2012, dove bisognerà presentare le richieste, in termine di deroghe irrinunciabili, a garanzia dei livelli occupazionali e nel contempo per la definitiva trasformazione dei contratti a tempo indeterminato.Durante il nostro intervento abbiamo illustrato le limitazioni normative e le deroghe da richiedere, consegnando ai presenti ed ai funzionari che saranno chiamati a redigere le richieste, una dettagliata relazione tecnica. Alla luce dell’incontro odierno, sospendiamo tutte le azioni di protesta, rinviandole a dopo l’incontro del 6 Giugno 2012, se non ci saranno risposte esaustive alle nostre richieste".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

Torna su
CataniaToday è in caricamento