Premiato "Le Stanze in fiore di Canalicchio"

Terzo Premio Grandi Giardini Italiani assegnato a Le stanze in fiore di Canalicchio

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di CataniaToday

Prende l’avvio quest’anno il Premio Grandi Giardini Italiani per il più alto livello di manutenzione, buon governo e cura di un giardino visitabile. In occasione della ricorrenza dei 150 anni dall’Unità d’Italia, il sito Grandi Giardini Italiani si propone di offrire un riconoscimento alla professionalità e alla cura dimostrata da proprietari e curatori nella manutenzione dei giardini italiani aperti al pubblico: 500 anni di storia dell’arte e del paesaggio che arricchiscono il prestigio e l’immagine del Paese.  

Con il Premio Grandi Giardini Italiani, il network dei più bei giardini visitabili d’Italia intende inoltre valorizzare l’impegno di proprietari e curatori nel mantenimento e costante miglioramento della visitabilità dei loro giardini in tutto il territorio italiano. In base a questi canoni, quest’anno sono stati assegnati: - I premio al Parco Giardino Sigurtà (Valeggio sul Mincio, VR) - II premio a Villa Poggio Torselli (San Casciano Val di Pesa, FI) - III premio a Le Stanze in Fiore di Canalicchio (Catania).

Il Premio assegnato dal network dei più bei giardini visitabili in Italia coinvolge da vicino la Sicilia e le sue numerose mete turistiche. Infatti, il Terzo Premio è stato assegnato al Le stanze in fiore di Canalicchio, per l’impegno della proprietaria e creatrice - la dott.ssa Rossella Pezzino de Gernimo - non solo nella costante manutenzione del giardino, ma anche per la continua attenzione alla creazione di facilitazioni sempre innovative per la visitabilità del parco.

Le Stanze in fiore di Canalicchio (Catania) sono state create nel 2000 ad opera di Rossella Pezzino de Geronimo con l’idea di creare un giardino contemporaneo fiorito dove si fondono vecchie e desuete piante mediterranee da fiore e rare piante tropicali e subtropicali. Oggi è un giardino accogliente articolato in stanze concatenate, dall'effetto naturale e privo di geometrie, un luogo che si svela poco alla volta, che ha come filo conduttore i colori e i profumi di rampicanti e arbusti da fiore, in particolare quelli subtropicali, ma soprattutto piante rare e l'acqua.Oggi è possibile ammirare la parte più nuova del giardino dedicata a delle terre lontane: il giardino birmano e il giardino d'oriente, con atmosfere zen e giapponesi.

Presso i Giardini di Castel Trauttmansdorff (Merano), ha avuto luogo la premiazione dei vincitori. In concomitanza della Riunione Annuale di proprietari e curatori degli 80 giardini aderenti al network Grandi Giardini Italiani, i tre giardini visitabili, vincitori della prima edizione del Premio Grandi Giardini Italiani, hanno ricevuto ciascuno una bottiglia magnum di champagne della maison Laurent-Perrier ed una targa di riconoscimento.

Torna su
CataniaToday è in caricamento