rotate-mobile
Giovedì, 27 Gennaio 2022
Cronaca

Strage Lampedusa, 13 salme trasferite al Vittorio Emanuele

Su indicazione del Prefetto di Catania sono state recuperate 13 bare prelevate da un'azienda confiscata alla mafia. I cadaveri sono stati trovati adagiati sul fondo del mare, a circa 370 metri di profondità, nelle vicinanze dell'imbarcazione

Trasferiti a Catania 13 corpi recuperati dai fondali al largo della Libia dove lo scorso 18 aprile è affondato il peschereccio e sono morti oltre 700 immigrati. Le salme sono state trasportate in un container a -20 gradi in un'apposita area attrezzata all'interno dell'ospedale "Vittorio Emanuele" dove sono stati effettuati gli accertamenti medico-legali.

Dai primi quattro corpi - tutti maschi verosimilmente di origine nordafricana e di età tra i 23 e i 30 anni - sono stati prelevati tessuti per ricostruire il dna, che servirà a identificare le salme. Gli accertamenti medico-legali sono condotti - alla presenza di Polizia Scientifica e Mobile - da esperti dell'Università di Catania e degli atenei di Palermo e Messina coordinati da Cristina Cattaneo.

Su indicazione del Prefetto di Catania sono state recuperate 13 bare prelevate da un'azienda confiscata alla mafia. I cadaveri sono stati trovati adagiati sul fondo del mare, a circa 370 metri di profondità, nelle vicinanze dell'imbarcazione.

La Marina militare, per le operazioni di recupero, ha impiegato il cacciamine Gaeta, una unità navale da ricerca costiera, nave Leonardo, e la nave Gorgona come unita' di supporto, oltre a un team del Gruppo Operativo Subacquei di Comsubin. Nel corso dell'operazione e' stato utilizzato anche un robot sottomarino filoguidato. Una volta a bordo della Gorgona i corpi, con la supervisione dei medici della Croce Rossa Italiana, sono stati sistemati in un container refrigerato con il quale sono stati portati a Catania.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Strage Lampedusa, 13 salme trasferite al Vittorio Emanuele

CataniaToday è in caricamento