Ubriaco aggredisce gli agenti di polizia che tentano di identificarlo

I due poliziotti hanno riportato contusioni giudicate guaribili in sei giorni, le precisazioni del legale

La polizia ha arrestato il cittadino senegalese Diba Cheiko Talibouya per i reati di resistenza, violenza, minacce e lesioni a pubblico ufficiale. Gli agenti delle volanti sono intervenuti in via Biondi, dove era in corso una lite tra più persone. Sul posto, i poliziotti hanno trovato un gruppetto di persone che discutevano animatamente tra loro che sono state invitate a calmarsi e ad allontanarsi dal posto in tranquillità. Improvvisamente, si è avvicinato un uomo di colore, in evidente stato di ebbrezza alcolica, come riporta la nota della questura, che ha assunto atteggiamenti provocatori nei confronti degli agenti, urlando contro di loro e cercando di venire allo scontro.

Gli agenti gli hanno richiesto, senza esito, i documenti per l’identificazione. A quel punto lo hanno invitato a salire sulla volante per condurlo in questura e poterlo identificare, scatenandone una resistenza tale da rendere difficoltosa l’operazione. In questura ha preso a minacciare gli operatori, andando in escandescenza ed iniziando a dare calci e pugni contro gli agenti a cui ha procurato alcune contusioni. E' stato arrestato e trattenuto presso le camere di sicurezza in attesa del giudizio di convalida. I due poliziotti hanno riportato contusioni giudicate guaribili in sei giorni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il difensore di fiducia di Diba Cheiko Talibouya, avvocato Giovanni Cavallaro, precisa che, vi sarebbero diverse inesattezze, rispetto a quanto riportato dal comunicato della questura. La replica del legale: "Innanzitutto, la Procura della Repubblica di Catania ha contestato il reato di resistenza e lesioni e non anche di minaccia. Sembra che non fosse ubriaco. Il pm non ha richiesto l'applicazione di alcuna misura cautelare e, il giudice non ha appllcato alcuna misura. Non ha litigato nè prima nè tantomeno dopo. Successivamente all'arresto, gli sono stati applicati 4 punti di sutura, presso l'ospedale Cannizzaro di Catania. Vi sono solo degli indizi di reità, il processo inizierà il 28 ottobre. E' un soggetto incensurato, con regolare permesso di soggiorno, lavora regolarmente, padre di una bambina nata da una relazione con un'italiana".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, nel mirino i "fedeli collaboratori" del clan Santapaola-Ercolano: 21 arresti

  • Il "mistero" dei fuochi d'artificio di Picanello, sparati ogni giorno a mezzanotte

  • "Iddu" e "idda": il terrore di Giarre e Riposto, stroncata dai carabinieri la cupola di La Motta

  • Sgominate bande che rubavano sui tir e nelle case: 13 arresti

  • Droga e mafia, altri 4 arresti nell’ambito dell’operazione "Overtrade"

  • “Freedom Oltre il confine” dedica parte della prossima puntata a Catania

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento