Strisce blu, Cardello: “Basta stalli a pagamento, situazione incontrollabile"

"Se non si pone un freno, la città di Catania rischia di ritrovarsi con gli stalli blu a pagamento perfino nel Duomo". Questa la provocazione del consigliere di “Italia Viva” del secondo municipio Andrea Cardello

"Se non si pone un freno, la città di Catania rischia di ritrovarsi con gli stalli blu a pagamento perfino nel Duomo". Questa la provocazione del consigliere di “Italia Viva” del secondo municipio Andrea Cardello. “Nel nostro territorio la situazione sta diventando incontrollabile - afferma Cardello- i cittadini sono esasperati e raccontano di intere vie con i posteggi quasi totalmente diventati a pagamento nel giro di pochissimi giorni. Il tutto ovviamente senza avvisare nessuno, men che meno i municipi che però devono far fronte alle proteste delle persone".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Catania- prosegue Cardello- sta diventando una “città in blu” ed alla fine a pagare sono sempre i commercianti ed i pendolari. Non solo, i residenti possono avere solo un abbonamento a famiglia”. Gli ultimi casi riguardano via Pietro Mascagni, via Pola e via Pasubio. “Nel periodo di quarantena il pagamento degli stalli blu è stato giustamente sospeso da parte dell’amministrazione comunale- continua Cardello- ma questa “pausa” non dev’essere una scusa per recuperare, con gli interessi, gli introiti mancati da parte della Sostare. Qui ci vuole una programmazione seria e concreta in cui a rimetterci non dev’essere continuamente il cittadino. L’aumento degli stalli blu rischia di desertificare intere zone commerciali del nostro territorio a favore della grande distribuzione. In questo periodo di emergenza, con tante piccole e medie attività che cercano a fatica di riprendersi, questo è un lusso che la città non può assolutamente permettersi”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Incidente sulla Palermo-Catania, illeso il cantante neomelodico De Martino: morto un 60enne

  • Incidente stradale sulla Palermo-Catania, scontro tra un furgone e una Porsche: un morto e due feriti

  • Coronavirus, impennata dei contagi in Sicilia (+578) e 10 morti: a Catania 154 nuovi casi

  • Voleva dimagrire, muore dopo una settimana di prodotti sostitutivi: indagati due medici

  • Arrestato anche il secondo rapinatore della gioielleria di via Umberto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento