Strisce blu notturne, per la Fipet vanno subito abolite: "Nessun miglioramento"

Per la fipet le strisce blu notturne "non hanno prodotto nessun miglioramento,ma maggiore caos perché spesso la gente è costretta a pagare sia la tariffa che il parcheggiatore notturno"

La Federazione italiana pubblici esercizi e turismo punta nuovamente il dito contro le scelte dell'amministrazione comunale per i continui “esperimenti”- come li definisce il presidente Roberto Tudisco- che si traducono in vessazioni e oneri economici per cittadini e commercianti. La polemica sulle strisce blu notturne in testa. Ogni sera vengono elevati centinaia di verbali e la cittadinanza non conosce nemmeno il perché, i cartelli che dovrebbero avvertire cittadini e turisti sono microscopici non illuminati, mancano le segnaletiche e non è stata fatta nessuna informazione istituzionale da parte del comune malgrado la promessa di cartelloni, volantini e striscioni.

"Chiediamo all’amministrazione di cessare questo esperimento, di eliminare le strisce blu notturne in centro che stanno causando solo disagi e una fuga dal centro storico massiccia e incontrastata. Se continua così ci ritroveremo con un centro deserto e abbandonato come la Catania di 30 anni fa. Elena Malafarina – vicepresidente Fipet- racconta come è ormai da mesi che aspettiamo che il comune adempia alle sue stesse promesse. Ci avevano assicurato miglioramenti ed invece tutto come sempre si riduce ad una operazione di facciata. L’autobus numero 25 spacciato per Movida Bus continua nel suo normale tragitto, nessuna indicazione delle fermate che dovrebbero incentivare la discesa in centro, nessun decoro dentro i mezzi, e nessuna pubblicità di questa mirabolante attrattiva catanese".

E ancora. "Le strisce blu notturne avevano un carattere provvisorio e chiaramente quale luogo migliore del centro storico per potere sperimentare e fare anche cassa? Inutile dire che non hanno prodotto nessun miglioramento della qualità del centro ma anzi maggiore caos perché spesso la gente è costretta a pagare sia la tariffa che il parcheggiatore notturno, tutto questo senza che i vigili siano in grado di contrastare il malcostume del pizzo del parcheggio. Insomma a pagare sono sempre i soliti noti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

Torna su
CataniaToday è in caricamento