Curva Nord Catania, comunicato della tifoseria: "Scomparso lo striscione della promozione"

Il tifo organizzato della curva nord, in occasione del derby Catania-Trapani, comunica tramite la propria pagina facebook "Quando saremo tutti della Nord", che aveva intenzione di rispolverare lo striscione utilizzato per la coreografia in occasione di Catania-Albinoleffe della stagione 2006

Il tifo organizzato della curva nord, in occasione del derby Catania-Trapani, comunica tramite la propria pagina facebook "Quando saremo tutti della Nord", che aveva intenzione di rispolverare lo striscione utilizzato per la coreografia in occasione di Catania-Albinoleffe della stagione 2006, anno della promozione in serie A. "Dopo i tragici fatti di Catania- Palermo del 2 febbraio 2007, però, il famoso striscione era stato sequestrato - fanno sapere i membri della curva - perchè posato in un'area interessata dalle indagini. Ci viene poi comunicato il dissequestro - continua il tifo organizzato - nel 2009 e subito dopo lo striscione lo depositiamo in un magazzino dello stadio "Massimino". Adesso, a distanza di 5 anni, dello striscione sembra non esserci più traccia in base a quanto comunicato dalla curva Nord:

"Non lo rivedremo più, amici.

Lo striscione Curva Nord è sparito. Non si trova più. O meglio: è stato buttato nella spazzatura come un rifiuto. Perché uno striscione 70 metri per 30 non può sparire e non sapersene più niente.

Dopo i fatti del 2 febbraio era stato sequestrato perché posato in un'area interessata dalle indagini. Quando ci viene comunicato il dissequestro, un paio di anni fa, lo sistemiamo, lo pieghiamo e lo depositiamo in uno sgabuzzino sotto la tribuna A che ci viene indicato. Ieri ci arriva una segnalazione:"Siete sicuri che lo striscione ci sia ancora?". Preoccupati ci rechiamo allo stadio e il bandierone, in quello sgabuzzino, non c'è più.

Nessuno ne sa niente. Dal Comune rimbalzano la cosa al servizio d'ordine del Catania, da questo al Comune. L'unica cosa certa è che lo striscione è stato preso e buttato nella spazzatura. Non poteva stare più lì? Perché non chiamarci, come fanno per mille cazzate, e dircelo? E invece no: di nascosto lo hanno fatto sparire.

Hanno fatto sparire il simbolo della nostra tifoseria. Lo striscione della promozione, dall'inestimabile valore affettivo. Realizzato con una colletta a cui ha partecipato tutta la città. Uno striscione che rappresentava lo spirito del nostro essere tifosi: tutti uniti sotto i colori del Catania. Un simbolo buttato via come una scarpa vecchia.

Un vero e proprio sfregio al cuore di noi tifosi. Una intera città vuole sapere chi è stato e perché lo ha fatto. Non pensate che la cosa finirà così, a caffè, perché andremo fino in fondo.

Questa è la goccia che fa traboccare il vaso. L'ennesimo affronto che subisce una tifoseria la cui colpa, evidentemente, è di essere troppo innamorata della sua squadra. E che in cambio riceve solo affronti e soprusi, dal Comune, dalla società e adesso anche degli inservienti della stessa. Gente pagata con i nostri soldi che pensa di poterci cacare in testa liberamente. Potete togliervelo dalla testa. Chi sa, parli. Comune o servizio d'ordine del Catania che sia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per adesso riusciamo a dire solo una cosa: vergogna, vergogna, vergogna."

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollo auto 2020 - Come presentare la richiesta di esenzione e rimborso

  • Coronavirus e Dpcm, Musumeci: "Ci permettano di aprire fino alle 23 ristoranti, bar, pizzerie"

  • Conte firma nuovo Dpcm, bar e ristoranti chiusi alle 18: superata ordinanza di Musumeci

  • Coronavirus, coprifuoco dalle 23 e limitazione negli spostamenti: ecco la nuova ordinanza di Musumeci

  • Pronta ordinanza anticovid di Musumeci: coprifuoco dalle ore 23 e scuole superiori chiuse

  • Coronavirus, oggi la nuova ordinanza del presidente Musumeci

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento