Dal carcere ai domiciliari, per lui lo striscione: "Il re è tornato. Papà sei il nostro orgoglio"

Il Questore di Catania Marcello Cardona ha disposto la rimozione dello striscione in quanto il messaggio "è una evidente e chiara manifestazione di compiacenza verso la cultura mafiosa e di assoggettamento ambientale"

Questa mattina è apparso uno striscione in via San Damiano di Catania, zona centro storico, che recitava :“Il re è tornato. Papà sei il nostro orgoglio”. Il protagonista è Spampinato Roberto classe 1971, ritenuto affiliato al clan Carateddi, arrestato per droga a settembre del 2011 in quanto trovato in possesso di 20 chilo di stupefacente, dalla locale squadra mobile di Catania ed ora agli arresti domiciliari.

IMG-20160304-WA0006-2Immediatamente il Questore di Catania Marcello Cardona ha disposto la rimozione dello striscione in quanto il messaggio "è una evidente e chiara manifestazione di compiacenza verso la cultura mafiosa e di assoggettamento ambientale", come si legge nella nota della Questura.

Quanto accaduto richiama i provvedimenti emessi dal Questore di Catania nei mesi scorsi quando fu rinvenuto un manifesto che richiamando i festeggiamenti per la nascita di un bambino che utilizzava terminologie inequivocabilmente ricollegate ai contesti della criminalità organizzata.

Nonché più recentemente i provvedimenti emessi in occasione della Festività di santa Barbara a Paternò nei confronti di coloro che avevano “omaggiato” un boss locale con la cosiddetta “annacata” dinnanzi alla casa. Dell’episodio è stato redatto dettagliato rapporto all’Autorità Giudiziaria nonché al magistrato di sorveglianza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

Torna su
CataniaToday è in caricamento