Striscione contro i catanesi a Reggio, indaga la polizia

Nel corso della gara inoltre, sul terreno di gioco sono arrivati anche dei fumogeni lanciati dai supporters reggini che hanno portato alla sospensione per qualche minuto del match

“Nessun elefante vi protegge…prima o poi la lava vi distrugge“. Questo vergognoso striscione con l'immagine dell’Etna in eruzione, e sotto, la città con palazzi e croci, quasi a voler rappresentare un cimitero, è stato esposto allo stadio Granillo durante la partita dei rossazzurri contro la Reggina dai tifosi calabresi.

Nel corso della gara inoltre, sul terreno di gioco sono arrivati anche dei fumogeni lanciati dai supporters reggini che hanno portato alla sospensione per qualche minuto del match. Per questi motivi, la questura vaglierà la posizione degli autori del gesto e di quelli che hanno sostenuto l'iniziativa.

“Quello che è successo al Granillo sabato sera è un episodio deprecabile. Posso comprendere il sano sfottò tra tifoserie avversarie, ma non posso tollerare gesti inqualificabili posti in essere da soggetti privi di ogni valore morale e civile. Le parole scritte nello striscione esposto allo stadio nella curva sud, luogo degli ultras della Reggina, che augurano che Catania sia distrutta dalla lava (coreografia non concordata tra società Reggina e Questura), sono espressione di un’assoluta irresponsabilità, che non meritano nessun commento, se non una ferma condanna. Stiamo visionando le immagini della polizia scientifica per l’irrogazione dei provvedimenti di Daspo e segnalerò l’episodio all’osservatorio nazionale per le manifestazioni sportive per gli aspetti di competenza. Questo rientra nelle mie prerogative e sarò fermissimo sul punto”. Con queste durissime  parole il Questore della Provincia di Reggio Calabria, Raffaele Grassi ha commentato quanto accaduto durante la partita Reggina-Catania.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Qualcosa inoltre, ha riferito la polizia, è saltato nelle relazioni con la società e per questo sarà esaminata anche la posizione proprio del responsabile della società che si occupa dei rapporti con la tifoseria. Stamattina, per l'episodio è stato convocato in Questura anche il presidente della Reggina per discutere di quanto accaduto nel corso della partita contro il Catania calcio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Conte firma nuovo Dpcm, bar e ristoranti chiusi alle 18: superata ordinanza di Musumeci

  • Pronta ordinanza anticovid di Musumeci: coprifuoco dalle ore 23 e scuole superiori chiuse

  • Coronavirus, coprifuoco dalle 23 e limitazione negli spostamenti: ecco la nuova ordinanza di Musumeci

  • Coronavirus, oggi la nuova ordinanza del presidente Musumeci

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento