rotate-mobile
Sabato, 2 Luglio 2022
Cronaca

Studentessa universitaria violentata mentre faceva rientro a casa

A fare scattare le indagini, dirette dalla Procura distrettuale ed effettuate dal commissariato di Borgo Ognina, era stata la denuncia presentata dalla giovane vittima che è stata fermata ed aggredita, con la scusa di un’informazione stradale, da un uomo a bordo di una Mercedes

Arresti domiciliari per un uomo di 56 anni, accusato di violenza sessuale. A fare scattare le indagini, dirette dalla Procura distrettuale ed effettuate dal commissariato di Borgo Ognina, era stata la denuncia presentata da una giovane studentessa universitaria, la quale, mentre faceva rientro a casa a piedi nelle ore serali, in zona Passo Gravina, è stata fermata, con la scusa di un’informazione stradale, da un uomo a bordo di una Mercedes. L’uomo, spacciandosi per fisioterapista, ha proposto alla ragazza una seduta di fisioterapia, adulandola con complimenti vari quando, ad un tratto, con un movimento repentino, le ha cinto la schiena in modo che non potesse divincolarsi e l'ha costretta a subire atti sessuali. Gli investigatori hanno avviato tempestive indagini per identificare l’autore delle violenze, analizzando scrupolosamente tutti gli elementi forniti dalla vittima e tracciando un identikit del molestatore. Tale attività ha permesso in breve tempo di individuare il probabile autore della violenza sessuale che, in passato, si era reso responsabile di altri episodi di analoga natura.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Studentessa universitaria violentata mentre faceva rientro a casa

CataniaToday è in caricamento