menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Studenti visitano gli uffici della polizia scientifica di Catania

Si tratta degli studenti del progetto MAP "Criminal Investigation & Scienze Criminologiche", organizzato da Elsa Catania

Dopo lo stage in Questura, dove hanno visitato gli Uffici della Divisione Polizia Anticrimine e della Digos e dove hanno incontrato il Questore Alberto Francini che ha tenuto loro un breve seminario sulle funzioni e le attribuzioni dell’Autorità di Pubblica Sicurezza rispetto al mantenimento dell’ordine e della sicurezza pubblica, gli studenti del progetto MAP "Criminal Investigation & Scienze Criminologiche", organizzato da Elsa Catania, hanno visitato gli uffici della Polizia Scientifica di Catania, soffermandosi nei laboratori di chimica, balistica e dattiloscopia, interessati alle indagini tecniche sulle sostanze stupefacenti, sulle armi e sulle impronte papillari.

"Da sottolineare l’importanza dell’approccio teorico-scientifico dei giovani giuristi a quella che è la realtà operativa della polizia: uno strumento didattico che, se da un lato rappresenta l’occasione di acquisire un bagaglio esperenziale che risulterà prezioso nella futura attività dei giovani giuristi, dall’altro rinforza quel vincolo di prossimità che lega fortemente la Polizia di Stato, e la Questura di Catania in particolare, col mondo dell’Istruzione e con i giovani", si legge nella nota della Questura.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

Contrastare il Covid-19: ecco i 5 DPI più efficaci

Giardino

Piante: perchè tenere in casa la Dracaena Fragrans

social

Bonus Tv 2021: come richiederlo ed ottenerlo

Ristrutturare

Ristrutturare low cost: ecco come comportarsi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Confcommercio Fipe: "Basta dall'1 febbraio riapriamo"

  • Formazione

    Lavoro: le figure professionali più ricercate dalle aziende

  • Meteo

    Meteo, da una inusuale estate all'inverno in solo 7 giorni

Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento