rotate-mobile
Lunedì, 15 Agosto 2022
Cronaca

Tagliati fondi regionali, Istituto incremento ippico a rischio chiusura

Una boccata d'ossigeno arriva comunque dal Maas, il mercato agroalimentare all'ingrosso di Catania, che fornisce verdure e frutta rimasta invenduta per contribuite ad alimentare gli animali dell'Istituto

"Abbiamo subito un taglio del 90% dei fondi e dai 500mila euro iniziali si è passati agli attuali 37mila. E' impossibile andare avanti. Non riusciamo nemmeno a pagare le bollette e se non ci fossero quei creditori che da maggio, da quando sono finite le scorte, nonostante le pendenze continuano a fornirci paglia e fieno sarebbe la fine''. Questo il grido d'allarme lanciato da Salvatore Paladino, direttore dell'Istituto incremento ippico siciliano, l'ente che sta attraversando una crisi senza precedenti a causa della mancanza di liquidità e della spending review prevista dal Governo regionale.

Una boccata d'ossigeno arriva comunque dal Maas, il mercato agroalimentare all'ingrosso di Catania, che fornisce verdure e frutta rimasta invenduta per contribuite ad alimentare gli animali dell'Istituto.

''E' un sostegno che oggi risulta fondamentale, ma purtroppo non basta - aggiunge Paladino - Agli animali, 110 cavalli e 12 asini, infatti non possono essere garantiti gli integratori alimentari, i mangimi specifici per lo svezzamento dei puledri e neppure le medicine necessarie durante le malattie''. Quest'anno, inoltre, l'Istituto non parteciperà alla Fiera Cavalli di Verona che prende il via giovedì prossimo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tagliati fondi regionali, Istituto incremento ippico a rischio chiusura

CataniaToday è in caricamento