Caso Catania, Tar conferma Daspo a Pulvirenti: "Idonea la motivazione del provvedimento"

Il Daspo era stato disposto, lo scorso 11 agosto, dal Questore di Catania, Marcello Cardona, dopo che la Procura di Catania aveva contestato all'ex patron rossazzurro e agli altri indagati il reato di associazione a delinquere finalizzata alle frodi sportive

Confermato il provvedimento Daspo nei confronti dell'ex presidente del Catania Calcio, Nino Pulvirenti, nell'ambito dell'inchiesta "I treni del goal". La decisione è stata presa dalla quarta sezione del Tar di Catania. "Il provvedimento appare - secondo i giudici del Tribunale amministrativo - nella sua struttura complessiva, immune dai vizi" e "ritenuto che il provvedimento impugnato appare supportato da idonea motivazione" lo si riforma "limitatamente oltre che al giorno della manifestazione, a quello precedente e al successivo" dall'evento sportivo e non "al generico giorni prima e dopo".

Il Daspo era stato disposto, lo scorso 11 agosto, dal Questore di Catania, Marcello Cardona, dopo che la Procura di Catania aveva contestato all'ex patron rossazzurro e agli altri indagati il reato di associazione a delinquere finalizzata alle frodi sportive. Il Tar, con un'ordinanza cautelare "ritiene il provvedimento supportato da idonea motivazione". L'udienza per la trattazione del ricorso presentato dai legali di Pulvirenti è fissata per il 26 maggio 2016.

"Il Legislatore - spiegano i giudici amministrativi - ha considerato rilevante ai fini della possibilità di adozione del provvedimento di divieto di accesso ai luoghi in cui si svolgono manifestazioni sportive non è limitato a scongiurare meri episodi di violenza. Ritenuto che il reato associativo nel caso di specie è collegato a reati di sicura rilevanza proprio nell'ambito sportivo, di guisa che - scrive il Tar - appare indubbio il legittimo esercizio del potere volto a reprimere comportamenti, già per altro oggettivamente incontestabili, dissonanti rispetto alla finalità educativa e ricreativa propria dello sport in generale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

Torna su
CataniaToday è in caricamento