Sentenza Tar: liberalizzazioni per i farmacisti di parafarmacie

Dopo Milano e Reggio Calabria, anche il tribunale di Catania ha ritenuto 'ingiustificate e arbitrarie' le discriminazioni operate nei confronti dei farmacisti di parafarmacie

''Le parafarmacie italiane mettono a segno ancora un punto decisivo nella sfida con le farmacie sulla liberalizzazione dei medicinali di fascia C''. Lo annuncia la Federazione nazionale delle parafarmacie, aggiungendo che ''dopo Milano e Reggio Calabria, anche il tribunale di Catania ha ritenuto 'ingiustificate e arbitrarie' le discriminazioni operate nei confronti dei farmacisti di parafarmacie e dei relativi esercizi ed ha rimesso la questione alla Corte di Giustizia per la valutazione finale''.

''Questa pronuncia, insieme alle due precedenti, rappresenta un punto di svolta decisivo per le nostre sorti - afferma il presidente della Federazione Giuseppe Scioscia -. I giudici catanesi, tuttavia, fanno un ulteriore significativo balzo in avanti: hanno infatti qualificato la liberta' di esercizio della nostra professione come un diritto fondamentale, ai sensi dell'articolo 15 della Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea''.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

Torna su
CataniaToday è in caricamento