Tardino (Lega) critica le quote tonno: "Ministero esclude le imbarcazioni siciliane"

"Ciò che ci lascia perplessi - secondo la componente della Commissione Pesca del Parlamento europeo - è la totale assenza di concertazione con le parti

foto archivio

"Trovo sbagliato e discriminatorio l’approccio che il Governo ha inteso assumere in merito alla ripartizione della consistenza residua della quota di cattura accessoria del tonno rosso. Tramite due decreti, del 26 e 28 maggio scorsi, il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali ha, infatti, deciso di escludere tutte le imbarcazioni delle Direzioni Marittime di Palermo e Catania". Lo ha detto in una nota Annalisa Tardino, europarlamentare della Lega e componente della Commissione Pesca del Parlamento europeo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Ciò che ci lascia perplessi - continua -è la totale assenza di concertazione con le parti. Il Governo PD- 5 Stelle decide su settori chiave delle nostre economia e, come da prassi, lo fa senza consultare le categorie coinvolte. I provvedimenti citati sono senza precedenti e discriminano le imprese di pesca siciliane, storicamente impegnate in maniera massiva nella pesca ai grandi pelagici, creando un grave danno alla categoria, già messa in ginocchio dalla crisi. E qualcuno ha ancora il coraggio di dire che è la Lega a non fare abbastanza per il Sud o per le Isole, quando i fatti dimostrano proprio il contrario. Il Ministero è stato sollecitato più volte alla risoluzione dell’annosa questione della carenza di quote destinate alle imbarcazioni che annoverano la quasi totalità delle catture accessorie, ma non solo non ha risolto il problema, anzi, oggi danneggia solo gli operatori siciliani, maggiormente colpiti da tutti i provvedimenti di restrizione relativi alla pesca dei grandi pelagici in generale. Sarebbe stata sufficiente la convocazione di un tavolo ministeriale volto all’individuazione di soluzioni alternative, capaci di garantire un maggiore equilibrio nella ripartizione della quota indivisa di catture accessorie. Ma ormai il danno è stato fatto - conclude la Tardino - e adesso chiediamo che sia posto urgentemente rimedio, tramite l’inclusione di tutte le imbarcazioni iscritte nei compartimenti siciliani, garantendo anche i pescatori delle altre regioni, ma ponendo fine ad un’ingiusta discriminazione”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, nel mirino i "fedeli collaboratori" del clan Santapaola-Ercolano: 21 arresti

  • Incidente stradale a Paternò, scontro fra due mezzi pesanti: un morto

  • Il "mistero" dei fuochi d'artificio di Picanello, sparati ogni giorno a mezzanotte

  • "Iddu" e "idda": il terrore di Giarre e Riposto, stroncata dai carabinieri la cupola di La Motta

  • Sgominate bande che rubavano sui tir e nelle case: 13 arresti

  • Dove mangiare pesce a Catania

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento