Tassa di soggiorno, oltre un milione di euro destinati a interventi di riqualificazione

Il provvedimento della Giunta guidata da Salvo Pogliese mira a migliorare i servizi turistici e di marketing territoriale

Interventi di recupero e valorizzazione di piazze e luoghi cittadini di particolare valore storico-artistico uniti a iniziative di promozione e marketing turistico: sono questi gli ambiti di utilizzo della tassa di soggiorno che la giunta Pogliese, ha individuato per migliorare l'appeal della città e sviluppare turismo e economia. Un “tesoretto” di oltre un milione di euro, che non grava sul bilancio comunale, che l'Amministrazione Comunale ha recuperato grazie a un attento lavoro di incisivo contrasto all'evasione dell'imposta versata dai turisti ai titolari delle strutture ricettive, reso ancora più proficuo dall'incremento dei flussi turistici che pongono Catania tra le città italiane più ambite e visitate.

La destinazione del gettito d'imposta, che registra una crescita esponenziale, è stata decisa tenuto conto che occorre utilizzare i proventi della tassa di soggiorno, con interventi in materia di turismo compresi quelli a sostegno delle attività ricettive, la manutenzione, fruizione e recupero dei beni culturali ed ambientali, il miglioramento dei servizi pubblici locali. In dettaglio, il piano deliberato, prevede una particolare attenzione al recupero di piazze cittadine di particolare pregio storico e valenza turistico-culturale: piazza dei Martiri, piazza Roma, piazza della Stazione, piazza Duomo e la pescheria, siti che dopo anni di incuria e disinteresse verranno riqualificati con interventi di ristrutturazione e arredo urbano. Coi fondi aggiuntivi recuperati grazie alla lotta all'evasione si provvederà, inoltre, all'acquisto di attrezzature e servizi necessari per la valorizzazione del Castello Ursino e della Chiesa di S. Nicolò l’Arena, come totem, video sorveglianza e restauri opere d’arte. Previsti fondi anche per l’organizzazione di eventi natalizi e capodanno; la predisposizione e l’avvio del progetto della card turistica; l’installazione di segnaletica turistica verticale; l’acquisto di elementi di arredo urbano e potenziamento del sistema di illuminazione dei siti culturali del centro storico, ma anche di viale Vittorio Veneto e Corso Italia. Alcuni importi verranno utilizzati aper promuovere educational tour; realizzazione di materiale di promozione turistica, come depliant, cartine, mappe; allestimento di info point al porto, all'aeroporto e nel punto informazioni di via Vittorio Emanuele e sottoscrivere accordi di collaborazione con CTRIP, tour operator cinese con 350 milioni di utenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vertice a Catania sul Coronavirus: chi ha sintomi non vada in ospedale

  • Coronavirus, Assessore Razza: "Sospetto caso positivo a Catania"

  • Operazione Thor, 23 omicidi di mafia commessi in 20 anni: 23 arresti

  • Giuseppe Torre, torturato e bruciato vivo: dopo 28 anni fatta luce sulla morte di un innocente

  • In arrivo oltre duecento assunzioni all'aeroporto di Catania

  • Mafia, omicidi e lupara bianca: i nomi degli arrestati

Torna su
CataniaToday è in caricamento