Tavolo delle imprese: "Basta annunci sulla Zona industriale"

"Una costante a cui ci hanno abituato: speranza e rabbia. Speranza che qualcosa possa cambiare davvero e rabbia, quando si constata che poi niente di concreto succede" afferma Giuseppe Ursino

"Una costante a cui ci hanno abituato: speranza e rabbia. Speranza che qualcosa possa cambiare davvero e rabbia, quando si constata che poi niente di concreto succede" afferma il facilitatore del Tavolo Giuseppe Ursino commentando le vicende catanesi.

Alla zona industriale di Catania, il cui degrado è sotto gli occhi di tutti, per anni i Tavolisti hanno provato a trovare soluzioni e hanno tentato di coinvolgere anche i vertici della prefettura che però ha allargato le braccia spiegando che la competenza è del Comune. "Lavoratori e insediamenti industriali potrebbero lavorare molto meglio se ci fosse un sistema viario accettabile e potrebbero essere tanti gli investitori che verrebbero attratti se questa fosse davvero una dignitosa zona industriale" continua Giuseppe Ursino.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Che ben vengano dunque i lavori di manutenzione straordinaria - così come annunciati in pompa magna dal sindaco uscente di Catania - questi dovrebbero essere veri perché, dopo la solita sfilata del 30 aprile, nulla più si è visto e degli operai e dei mezzi che avrebbero dovuto ridare dignità alla zona industriale non c’è ombra”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Coronavirus, impennata dei contagi in Sicilia (+578) e 10 morti: a Catania 154 nuovi casi

  • Gestivano piazze di spaccio e furti di carburante nel Catanese, 11 arresti

  • Voleva dimagrire, muore dopo una settimana di prodotti sostitutivi: indagati due medici

  • Arrestato anche il secondo rapinatore della gioielleria di via Umberto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento