Teatro “Bellini”, lavoratori in stato di agitazione e pronti a nuove proteste

Sindacati: “Ci addolora che la Regione spenga il Teatro. Ci affidiamo al prefetto”

I lavoratori del Teatro Massimo “Vincenzo Bellini” di Catania dichiarano lo stato di agitazione e si dichiarano pronti a nuove azioni di protesta. Nel corso dell’assemblea sindacale tenutasi ieri mattina, è stata sottolineata “l’evidente impasse istituzionale della Regione Siciliana, ingessata nelle spese e nei bilanci, e la conseguente necessità di attivare le richieste di apertura di tavoli di confronto istituzionale per sensibilizzare tutte le istituzioni politiche (dal Comune alla Città metropolitana alla Regione) e per garantire le coperture economiche dell'ente”. Nel frattempo, sottolineano i lavoratori del “Bellini”, “si continuerà ogni sforzo atto a garantire al pubblico gli spettacoli in cartellone”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per Cgil, Cisl e Uil, Ugl, LiberSind e Snalv insieme alle categorie SLC, Fiatel, Uilcom, Fials, UGL spettacoli, con i segretari generali Giacomo Rota, Maurizio Attanasio, Enza Meli, Giovanni Musumeci, Aldo Ferrente, Salvatore Todaro, Antonio Santonocito, e i rappresentanti sindacali Loretta Nicolosi, Antonio D’Amico, Mauro Cossu, Cosimo Fichera, Patrizia Perricone e Salvatore Agosta, “lo scorso maggio il presidente della Regione, Musumeci, dichiarò che il Teatro Bellini era salvo, che erano stati trovati i fondi per presentare il bilancio. L’Assemblea regionale, contrariamente a quanto indicato dal Governo regionale, non avendo approvato il collegato alla Finanziaria regionale, ha chiuso ogni possibilità di finanziamento necessario a mantenere in vita il Teatro. Oggi dobbiamo fare i conti con la realtà: ci addolora che la Regione spenga di fatto il Teatro dedicato al più grande dei catanesi; è un triste paradosso visto che presidente e assessore regionale alla Cultura sono di Catania. In questi 5 mesi si sono ripetuti gli incontri: le lavoratrici e i lavoratori, e i sindacati, hanno rinnovato la loro fiducia alle istituzioni politiche, ma non è arrivata alcuna risposta concreta. È anche doloroso ricordare che i precari del “Bellini” sono già a casa, a dispetto di un ex esponente del governo regionale che aveva rassicurato persino sui tempi veloci della stabilizzazione. Stiamo dunque facendo i conti con lo “zero” nei fondi del 2021 dedicati ad un ente, il glorioso “Bellini”, che oggi manca pure di un direttore amministrativo. Prima di avviare nuove e clamorose iniziative di protesta, ci affidiamo dunque al prefetto e alla sua conclamata sensibilità istituzionale per Catania, affinché richiami alle proprie responsabilità tutte le rappresentanze politiche in difesa di uno storico ente culturale e convochi un tavolo di confronto con il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci , l'assessore regionale Manlio Messina e il sindaco di Catania, Salvo Pogliese”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, nel mirino i "fedeli collaboratori" del clan Santapaola-Ercolano: 21 arresti

  • Il "mistero" dei fuochi d'artificio di Picanello, sparati ogni giorno a mezzanotte

  • "Iddu" e "idda": il terrore di Giarre e Riposto, stroncata dai carabinieri la cupola di La Motta

  • Sgominate bande che rubavano sui tir e nelle case: 13 arresti

  • Droga e mafia, altri 4 arresti nell’ambito dell’operazione "Overtrade"

  • Covid, bonus matrimonio: governo Musumeci stanzia oltre 3 milioni di euro

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento