Nuove nomine al teatro Bellini, perplessità de 5 Stelle

Gianina Ciancio invita il presidente della Regione Siciliana ad evitare scelte azzardate

Tante le sfide aperte per il Teatro Massimo Bellini di Catania, a partire dalla nomina del nuovo soprintendente. "I nomi che stanno circolando in questi giorni ci lasciano alquanto perplessi e hanno messo in allarme, giustamente, anche i sindacati". Lo sottolinea Gianina Ciancio, deputata regionale del Movimento 5 Stelle, che invita il presidente della Regione Siciliana ad evitare scelte azzardate e ad aprire piuttosto un confronto serio sul futuro della massima istituzione culturale a Catania.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Non si può pensare di lasciarlo - continua a chi ha gestito in passato il Teatro Stabile, con risultati assolutamente deludenti e 12 milioni di euro di buco. Una figura sulla quale abbiamo anche presentato un'interrogazione all’Ars l’anno scorso, in merito alla inopportunità di conferirgli un incarico amministrativo per un non meglio precisato ‘censimento dei teatri in Sicilia’, ma non abbiamo ricevuto nessuna risposta dal governo regionale. Restano tra l’altro due questioni aperte - ricorda Ciancio - che attendono risposte urgenti. La prima riguarda i fondi regionali, assottigliati dal pesante taglio operato da parte del governo: una vera minaccia che compromette il normale svolgimento delle attività. Non si hanno notizie certe di se e quando il contributo verrà ripristinato. Sempre sul Bellini grava, inoltre, l’emendamento che prevede la trasformazione dell’ente in fondazione: su questo percorso nutriamo fortissime perplessità. Prima di pensare a una qualsiasi modifica della natura dell'ente, tanto per cominciare, si dovrebbero risolvere le emergenze aperte, ad esempio dare le giuste risposte ai precari, garantire i diritti dei lavoratori e infine - conclude la Cianciao - assicurare all'ente le risorse necessarie per una corretta programmazione”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza regionale sul Coronavirus: obbligo di mascherina e più controlli

  • Coronavirus, casi positivi al Cutelli e alla Livio Tempesta: studenti e personale in quarantena

  • Carabiniere preso a calci e pugni ad un posto di blocco da un 39enne

  • Incidente in Tangenziale, traffico in tilt: un ferito grave

  • Coronavirus, un positivo sul volo Milano-Catania: appello dell'Asp ai passeggeri

  • Operazione antidroga, sequestrati 1.300 chili di marijuana: 6 arresti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento