menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Teatro Stabile, Cgil: "Si pensi alle maestranze e agli artisti"

La pensano così il segretario generale della Cgil Giacomo Rota e il segretario Slc Cgil, Davide Foti, che in una nota unitaria si appellano "al buon senso dei soci e al cda dell'ente per ricercare soluzioni di linearità gestionale nella correttezza di azioni

"Il prestigio del Teatro Stabile e di tutti i suoi lavoratori va considerato al di sopra di ogni cosa, oggi più che mai. Ogni paralisi politica o organizzativa va evitata. Serve invece un Consiglio di amministrazione che guidi con autorevolezza e grande unità. Si pensi soprattutto alle maestranze e agli artisti che in questi anni hanno condiviso sacrifici quotidiani con i vertici dell'Ente".

La pensano così il segretario generale della Cgil Giacomo Rota e il segretario Slc Cgil, Davide Foti, che in una nota unitaria si appellano "al buon senso dei soci e al cda dell'ente per ricercare soluzioni di linearità gestionale nella correttezza di azioni, evitando di recare danni alle maestranze e alla massa artistica" .

Per i rappresentanti sindacali sono "i lavoratori i veri capisaldi di un teatro che ha mantenuto alto il livello di produzioni culturali. Le priorità sono note: risanare la situazione economica garantendo il reperimento di nuove risorse e organizzare il mansionario indispensabile per la valorizzazione di chi opera quotidianamente allo Stabile".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Forno a microonde: quali cibi non cucinare al suo interno

Utenze

Rettifica della bolletta luce e gas: come richiederla

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento