Teatro Stabile, la Slc Cgil di Catania chiede tavolo di confronto con gli artisti

La Slc Cgil di Catania ha chiesto l’avvio di un tavolo di confronto e concertazione con la Direzione Artistica ed il Consiglio di amministrazione del Teatro Stabile, per discutere le linee di ripartenza

Da sinistra: Patanè e Tabita

La Slc Cgil di Catania ha chiesto l’avvio di un tavolo di confronto e concertazione con la Direzione Artistica ed il Consiglio di amministrazione del Teatro Stabile, per discutere le linee di ripartenza. Lo chiedono il segretario generale della Slc Cgil di Catania,  Gianluca Patanè e il responsabile del Dipartimento artisti Slc, Luigi Tabita.

"Apprendiamo con amarezza dalle ultime interviste rilasciate alla stampa dalla direttrice Laura Sicignano - sottolineano i due sindacalisti in una nota congiunta- come stia lavorando ad una ripartenza senza purtroppo aver mai convocato un confronto con gli artisti che dovrebbero essere i protagonisti di questa riapertura. Ricordiamo come nell’ultimo intervento alla Camera il Ministro per i Beni Culturali Dario Franceschini abbia sottolineato che “nessun artista verrà dimenticato” e per questa ragione oltre al contributo Fus, che verrà erogato senza l’obbligo di rispettare i parametri grazie alla situazione straordinaria, verranno stanziati ulteriori contributi anche per i mancati incassi. Inoltre, a seguito dell’approvazione della finanziaria da parte dell’Ars, il Governo regionale ha stanziato dei fondi extra a cui potrà accedere anche il Teatro Stabile di Catania. Denaro pubblico che, vogliamo ribadire, verrà erogato per sostenere i lavoratori dello spettacolo del territorio in questo difficile momento".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Più volte in queste difficili settimane, la Slc Cgil di Catania ha denunciato la gravissima crisi dei lavoratori dello spettacolo a Catania; la maggior parte degli artisti non ha potuto accedere al contributo in soccorso all'emergenza Covid, perché solitamente costretta a lavorare in nero durante l’anno e solo un piccolo nucleo artistico lavora stabilmente nel teatro pubblico. Rmd.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, casi positivi al Cutelli e alla Livio Tempesta: studenti e personale in quarantena

  • Incidente autonomo in Tangenziale, traffico in tilt: un ferito grave

  • Nuova ordinanza regionale sul Coronavirus: obbligo di mascherina e più controlli

  • Carabiniere preso a calci e pugni ad un posto di blocco da un 39enne

  • Coronavirus, un positivo sul volo Milano-Catania: appello dell'Asp ai passeggeri

  • Operazione antidroga, sequestrati 1.300 chili di marijuana: 6 arresti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento