Tecnis, incontro nella sede dell'azienda: gli impegni assunti dal commissario

I debiti verso i lavoratori ammontano, a oggi, a circa 2.4 milioni di euro e sono relativi al mancato versamento delle mensilità di gennaio e febbraio 2016 per un importo di 1.6 milioni di euro; i restanti 800 mila sono riferibili a quote Tfr

Conferma delle normali scadenze per gli stipendi, pagamento entro giugno delle spettanze a tutte le Casse Edili, documentazione per la cassa integrazione straordinaria già inviata all’Inps. Sono alcuni degli impegni confermati dal commissario giudiziale della Tecnis, Saverio Ruperto, nel corso dell’incontro di aggiornamento, svoltosi a Catania, con le organizzazioni sindacali Filca Cisl, Fillea Cgil e Feneal Uil sull'andamento dell’impresa.

Nel corso della riunione il Commissario ha inoltre precisato che i debiti verso i lavoratori ammontano, a oggi, a circa 2.4 milioni di euro e sono relativi al mancato versamento delle mensilità di gennaio e febbraio 2016 per un importo di 1.6 milioni di euro; i restanti 800 mila sono riferibili a quote Tfr (trattamento fine rapporto), previdenza complementare e atti transattivi non ancora chiusi. Risultano attualmente sospesi in CIGS (Cassa integrazione straordinaria) circa un centinaio di lavoratori e in questi giorni la società ha provveduto a inviare ai lavoratori la documentazione necessaria per completare la domanda all'Inps, visti i cambiamenti intervenuti a seguito della nuova circolare dell'Istituto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Relativamente alla situazione dei cantieri, Ruperto ha sottolineato che restano ancora da incassare SAL (stati di avanzamento lavori) pregressi per importi pari a circa 10 milioni di euro dall'Anas. "L'azienda – affermano Filca Cisl, Fillea Cgil e Feneal Uil – ci ha informato che, a oggi, il livello complessivo di produzione è pari a circa 5 milioni al mese, ben al di sotto delle previsioni che si attestavano intorno ai 7/8 milioni di euro, soglia che viene considerata necessaria per una maggiore produttività della società, obiettivo che si stima possa essere raggiunto progressivamente nei prossimi mesi. A tale scopo, è importante il dissequestro del cantiere di Salerno Porta Ovest".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollo auto 2020 - Come presentare la richiesta di esenzione e rimborso

  • Coronavirus e Dpcm, Musumeci: "Ci permettano di aprire fino alle 23 ristoranti, bar, pizzerie"

  • Conte firma nuovo Dpcm, bar e ristoranti chiusi alle 18: superata ordinanza di Musumeci

  • Sparatoria in centro commerciale dopo litigio: un ferito grave

  • Covid-19: la differenza tra test sierologico, tampone rapido e tampone molecolare

  • Tentato omicidio al centro commerciale, il 19enne ha utilizzato pistola con matricola abrasa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento