Telecom: progetto con l'Università per creare laboratorio ricerca

Telecom Italia e l'Università di Catania hanno avviato un progetto di collaborazione che porterà entro la fine dell'anno alla realizzazione del ''Joint Open Lab'', un laboratorio di ricerca per la relazione industria-università

Telecom Italia e l'Università di Catania hanno avviato un progetto di collaborazione che porterà entro la fine dell'anno alla realizzazione del ''Joint Open Lab'', un laboratorio di ricerca per la creazione di un nuovo modello di relazione industria-università dove la ricerca e la conoscenza accademica si uniscono al know how e all'esperienza industriale.

L'annuncio è stato dato oggi dal Rettore dell'Università di Catania, Antonino Recca, e dall'Amministratore Delegato di Telecom Italia, Marco Patuano, in occasione della tappa catanese di ''Working Capital Accelerator'', l'iniziativa di Telecom Italia per rilanciare l'innovazione digitale in Italia. L'attivita' di ricerca del Joint Open Lab si focalizzerà sui servizi di Mobile Internet di prossima generazione, come ad esempio le tecnologie NFC (Near Field Communication), destinati a cittadini e imprese per creare nuove piattaforme che integrino le tecnologie più avanzate dei terminali mobili e del cloud computing con elementi di sicurezza e privacy evoluti per l'applicazione in diversi contesti di vita e di lavoro.

Questa iniziativa si inserisce nell'ambito del progetto di Telecom Italia finalizzato alla creazione di sei innovativi laboratori di ricerca su tutto il territorio nazionale in accordo con i piu' qualificati Atenei italiani con l'obiettivo di rilanciare e trasformare i rapporti tra il mondo dell'industria e quello della ricerca e della didattica universitaria nel campo dell'innovazione tecnologica.

In particolare, la collaborazione mira a dare impulso al trasferimento delle conoscenze tipiche del mondo universitario verso utilizzi in campo industriale, trasformando le nuove idee in opportunita' tangibili per il sistema socio-economico. Attraverso la creazione di un ambiente stimolante caratterizzato da spazi dedicati alla condivisione del know how e con un'alta flessibilita' delle postazioni di lavoro, il nuovo laboratorio di ricerca si pone come elemento centrale delle attivita' di sviluppo e dimostrative in grado di attrarre giovani talenti e favorire l'applicazione sul campo di nuove idee e soluzioni, generando cosi' nuovo valore su obiettivi di ricerca ed innovazione condivisi.

Il laboratorio, inoltre, potra' partecipare a gare per l'accesso a finanziamenti per la ricerca a livello regionale, nazionale ed europeo. In base agli accordi, Telecom Italia contribuira' al Joint Open Lab con proprio personale di ricerca, strumentazione di laboratorio, piattaforme di servizio; l'Universita' di Catania mettera' a disposizione del laboratorio personale di ricerca, borsisti, stagisti e laureandi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Coronavirus, impennata dei contagi in Sicilia (+578) e 10 morti: a Catania 154 nuovi casi

  • Gestivano piazze di spaccio e furti di carburante nel Catanese, 11 arresti

  • Voleva dimagrire, muore dopo una settimana di prodotti sostitutivi: indagati due medici

  • Arrestato anche il secondo rapinatore della gioielleria di via Umberto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento