Tentano colpo in tabaccheria e cercano di sfuggire all'arresto rubando auto

Sulla vettura rimasta sul luogo del reato, i poliziotti hanno rinvenuto una "macchina cambiasoldi" asportata dalla tabaccheria e una bombola di gas con cannello utilizzato per aprire la saracinesca del negozio

Nelle prime ore di questa mattina, il suono di una sirena d’allarme ha attirato l’attenzione dei poliziotti della Volante che stava transitando per un tratto della via Plebiscito, in prossimità delle vie Orto del Re e San Vito. Avvicinatisi al luogo dal quale proveniva l’allarme, una tabaccheria, gli agenti hanno visto un gruppo di uomini col volto coperto da passamontagna uscire da una saracinesca e salire a bordo di una Fiat Stilo S.W. che ripartiva a forte velocità.

Nel tentativo di bloccarne la fuga, i poliziotti hanno posto la loro vettura a interruzione della traiettoria della Stilo il cui conducente, però, non ha accennato a fermarsi, anzi, ha accelerato al massimo per poi speronare violentemente la Volante e garantirsi il passaggio. Tale manovra, però, ha avuto un effetto parziale perché dopo l’urto con la pattuglia, l’auto dei malfattori è andata a sbattere contro un albero.

Mentre i poliziotti si riprendevano dal violento impatto, gli uomini incappucciati uscivano illesi dalla vettura e si allontanavano per vie diverse: alcuni di essi hanno rubato l’auto ad una donna che si trovava a passare in quel momento, altri hanno usato lo stesso metodo per sottrarre una macchina, utilizzata per far perdere le proprie tracce. Sulla vettura rimasta sul luogo del reato, i poliziotti, che nel frattempo sono stati raggiunti dai rinforzi inviati dalla Sala operativa, hanno rinvenuto una “macchina cambiasoldi” asportata dalla tabaccheria e una bombola di gas con cannello utilizzato per aprire la saracinesca del negozio.

All’interno della tabaccheria, a terra, una slot machine il cui furto è stato interrotto proprio dall’intervento degli agenti. Il negozio e la refurtiva sono stati riconsegnati al titolare dell’esercizio, l’automobile e gli strumenti utilizzati per lo scasso sono, invece, stati affidati al personale del Gabinetto Regionale di Polizia Scientifica per i rilievi del caso. I poliziotti, per le ferite riportate nell’impatto, sono stati costretti a ricorrere al Pronto Soccorso: ne avranno per sette giorni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento