Altro sciame sismico sull'Etna, dopo le scosse anche sbuffi di cenere

Sono tre i terremoti che si sono verificati nella mattinata, nessuno dei quali ha raggiunto l'intensità elevata di ieri: il primo si è prodotto alle 5.31 ed è stato quello di maggiore energia con magnitudo 2.4

Ancora scosse di terremoto nelle prime ore di oggi sull'Etna, nella stessa zona interessata all'alba di ieri da uno sciame sismico di otto eventi in rapida successione con il più forte di magnitudo 3.4.

Sono tre i terremoti che si sono verificati stamattina, nessuno dei quali ha raggiunto l'intensità elevata di ieri: il primo si è prodotto alle 5.31 ed è stato quello di maggiore energia con magnitudo 2.4.

Lo hanno seguito altre due scosse, di magnitudo 2.2 alle 5.44 e di magnitudo 2.3 alle 5.45. Epicentro piuttosto in superficie, tra i 17 e i 12 chilometri di profondità, e localizzato come ieri in prossimità dei centri abitati di Ragalna, Adrano, Biancavilla e Santa Maria di Licodia.

Dopo le scosse, sono cominciati sbuffi di cenere. Così come più volte accaduto in passato, questa potrebbe essere la prima fase di un prossimo episodio parossistico. L'ultimo dei quali si è verificato appena 10 giorni fa, il 26 ottobre. I vulcanologi dell'Ingv tengono sott'occhio la situazione e per adesso non si sbilanciano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

  • Bancarotta fraudolenta, sotto sequestro 3 ristoranti: arrestato il titolare del "Cantiniere"

  • Ritrovato cadavere di un uomo carbonizzato: indagano i carabinieri

Torna su
CataniaToday è in caricamento