menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Terrorismo, arrestato albanese all'aeroporto: aveva una foto con kalashnikov

Controlli serrati per sventare possibili minacce di terrorismo. Un albanese di 30 anni è stato bloccato e fermato dalla polizia all'aeroporto di Catania: era in possesso di documenti falsi. Aveva inoltre una pen drive in cui erano salvate alcune foto di lui con un'altra persona mentre tenevano dei kalashnikov

Controlli serrati per sventare possibili minacce di terrorismo. Un albanese di 30 anni è stato bloccato e fermato dalla polizia all'aeroporto di Catania: era in possesso di documenti falsi.

Dai controlli antiterrorismo è emerso che era già stato denunciato il 13 gennaio a Malpensa perchè trovato anche in quell'occasione in possesso di documenti falsi con i quali voleva salire a bordo di un aereo per Londra.

L'uomo aveva con sè una pen drive nella quale erano salvate alcune foto di lui con un'altra persona mentre tenevano dei Kalashnikov. La pen drive è stata trovata dagli uomini della polizia di frontiera dell'aeroporto durante la perquisizione. Trovati anche altri file con documenti di varie nazionalità.

Dopo le perquisizioni è emerso che l'uomo era diretto verso Londra, con un biglietto comprato su internet. Si era prima presentato al check in di un volo per Bucarest con il suo documento originale e ha avuto la carta d'imbarco. Passati i controlli, però, invece di andare al gate da dove partiva il volo per la Romania, si è diretto verso il gate per Londra: aveva infatti un'altra carta d'imbarco stampata online dopo avere acquistato in rete un biglietto per la capitale della Gran Bretagna con documenti falsi.

A intensificare i sospetti della polizia sarebbe stato l'atteggiamento insofferente dell'albanese, che è stato così pedinato e successivamente perquisito. La carta d'identità trovata era intestata ad un cittadino italiano, era contraffatta in alcuni dati personali e riportava una fotografia dell'albanese coperta da una pellicola trasparente di sicurezza. Nella pen drive, in dettaglio, sono stati trovati altri file contenenti documenti d'identità di altre nazionalità alcune dei quali avevano già la foto dell'albanese. Il materiale è ora al vaglio degli investigatori dell'antiterrorismo per capire la provenienza.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Forno a microonde: quali cibi non cucinare al suo interno

Utenze

Rettifica della bolletta luce e gas: come richiederla

Alimentazione

Aglio: tipologie, proprietà e benefici

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento