Tondo Gioeni, Comune risponde alle polemiche rispolverando il "passato"

Nonostante le polemiche e le lamentele, l'Amministrazione - con una nota - fa sapere di essere "soddisfatta per come sono stati contenuti i disagi del traffico nella giornata della riapertura delle scuole"

Nonostante le polemiche e le lamentele, l'Amministrazione - con una nota - fa sapere di essere "soddisfatta per come sono stati contenuti i disagi del traffico nella giornata della riapertura delle scuole".

"Secondo dati unanimemente riconosciuti – ha spiegato l’assessore alla Polizia Municipale Marco Consoli -  ovunque nel primo giorno di scuola il traffico impazzisce. A Roma i giornali parlano di un aumento del 300% e a Milano di 60 chilometri di code. Lo scorso anno a Catania a quanto pare ci furono sulla circonvallazione incolonnamenti consistenti, di poco inferiori a quelli di quest'anno. E stavolta avevamo in più la pioggia battente, che ha scoraggiato coloro i quali solitamente utilizzano mezzi a due ruote, e i lavori del nodo Gioeni”.

Inoltre, come sottolineato dai Vigili urbani, nelle zone interessate dall’aumento di traffico si sono verificati alcuni incidenti. Quello che ha causato maggiori criticità è avvenuto poco dopo le 8 del mattino sulla circonvallazione in direzione Nesima-Ognina all'altezza della rotonda Caboto e ha causato rallentamenti fino alle 8.45. Non appena il maltempo si è attenuato, anche il traffico è diventato molto più scorrevole.

“Tutto ciò considerato – ha aggiunto Consoli -, grazie anche al notevole lavoro svolto dalla Polizia Municipale e degli ausiliari del traffico, possiamo ritenerci soddisfatti per essere riusciti a contenere quest'ondata di piena. Secondo la media nazionale, infatti, già al secondo giorno di scuola il traffico si riduce al 60%. Un'altra nota estremamente positiva è stata quella dell'acqua drenata quasi dappertutto dai tombini, grazie al lavoro preventivo svolto nelle scorse settimane dal servizio di manutenzioni".

Nella zona del nodo Gioeni qualche protesta è venuta, da alcun residenti e commercianti, per la decisione di vietare l'accesso alla via Caronda dal viale Odorico da Pordenone al fine di rendere il traffico più scorrevole sulla circonvallazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Abbiamo preferito però - ha spiegato l’assessore alla Viabilità Saro D'Agata – scegliere questa soluzione anziché tornare a quel piano viario adottato nei giorni dell'abbattimento e che era stato contestato da alcuni commercianti e residenti. Con la soluzione scelta, gli automobilisti provenienti da Nesima possono infatti raggiungere il centro sia da via Etnea sia da via Giuffrida. Se disagi ci sono in loco, insomma, sono minimi e giustificati dalla pubblica utilità".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollo auto 2020 - Come presentare la richiesta di esenzione e rimborso

  • Coronavirus e Dpcm, Musumeci: "Ci permettano di aprire fino alle 23 ristoranti, bar, pizzerie"

  • Conte firma nuovo Dpcm, bar e ristoranti chiusi alle 18: superata ordinanza di Musumeci

  • Pronta ordinanza anticovid di Musumeci: coprifuoco dalle ore 23 e scuole superiori chiuse

  • Coronavirus, coprifuoco dalle 23 e limitazione negli spostamenti: ecco la nuova ordinanza di Musumeci

  • Coronavirus, oggi la nuova ordinanza del presidente Musumeci

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento