Tondo Gioeni: conferenza dei servizi per spostare sottoservizi nel cantiere

Nel corso della riunione è stato stabilito come sincronizzare i lavori della ditta appaltatrice con quelli delle aziende interessate. Piccoli spostamenti a eccezione dell’Asec. Non sono previsti disservizi per gli utenti

Il vicesindaco Marco Consoli, l’assessore ai Lavori pubblici Luigi Bosco e quello alla Viabilità Rosario D’Agata hanno presieduto nella Sala Giunta di Palazzo degli elefanti una conferenza dei servizi dedicata ai lavori di spostamento dei sottoservizi nel cantiere del Tondo Gioeni.

Alla riunione hanno partecipato i tecnici comunali e i rappresentanti delle aziende interessate – Asec, Sidra, Telecom, Enel, Fastweb, Acque Carcaci – per stabilire una pianificazione rigorosa che permetta di accorciare al massimo i tempi di intervento nello spostamento dei sottoservizi.

“Si tratterà – ha spiegato l’assessore Bosco – in massima parte di piccoli spostamenti, che saranno definiti dalle aziende grazie alle planimetrie dello stato attuale e dello stato modificato forniti loro dalla direzione lavori. Solo l’Asec sarà costretta a spostamenti di maggiore entità, risolvibili però in sette dieci giorni, contestualmente al normale andamento dei lavori”.

“Scopo della riunione – ha spiegato Consoli – è stato quello di sincronizzare, in funzione della presenza di questi sottoservizi, di cui ovviamente eravamo a conoscenza perché ne parliamo dal luglio scorso,  l’attività dell’impresa appaltatrice con quella delle varie aziende. Nel corso dell’incontro non sono emerse criticità e non sono state evidenziate problematiche relative ai disservizi su forniture”.

Per quanto riguarda il traffico veicolare che con l’apertura delle scuole potrebbe diventare più complicato da gestire, l’assessore D’Agata ha confermato: “garantiremo l’apertura di quattro corsie sulla circonvallazione e ci saranno squadre dei vigili urbani per velocizzare al massimo la circolazione”.

“Tra una decina di giorni, poi – ha aggiunto -  sarà riaperta la via Albertone e saranno ottimizzati i tempi delle chiamate semaforiche sul viale Odorico da Pordenone per evitare il ristagno della circolazione nella zona del ‘torna indietro’ della chiesa della Madonna di Lourdes”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento