rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Cronaca

Tondo Gioeni, strappato lo striscione a sostegno di Nino Di Matteo

Era stato esposto sul guardrail vicino al parco cittadino dopo il flash mob organizzato dal Movimento agende rosse "Francesca Morvillo" e dalla fondazione La Città Invisibile lo scorso 30 ottobre

E' stato fatto a pezzi, tagliato con la lama di un coltello, lo striscione a sostegno del procuratore Nino Di Matteo, minacciato di morte più volte proprio per il processo in corso a Palermo "Trattativa Stato-Mafia".

Il lenzuolo a favore del Pm era stato esposto sul guardrail del tondo Gioeni lo scorso 30 ottobre, al termine di un flash mob organizzato dal Movimento Agende Rosse "Francesca Morvillo" di Catania e dalla fondazione "La città invisibile".

All'iniziativa avevano partecipato moltissimi cittadini e studenti del liceo classico Cutelli, insieme alla musica dei bambini dell'orchestra sinfonica "Falcone Borsellino".

14997201_10210848093859338_2052560838_n-2

"Crediamo che la risposta migliore l'abbia data lo stesso Di Matteo oggi rifiutando il trasferimento. Il suo coraggio e la sua determinazione ci sono da esempio. Continueremo a sostenerlo e a fare da contraltare al silenzio delle istituzioni. Ringraziamo tutti i numerosi comuni che, sulla spinta delle nostre richieste, hanno voluto rendere Di Matteo cittadino onorario. Ci auguriamo che anche il comune di Catania si unisca agli altri dando così la risposta più appropriata ai vigliacchi che hanno tagliato lo striscione". E' il commento del Movimento delle Agende Rosse al vile gesto.

Gallery

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tondo Gioeni, strappato lo striscione a sostegno di Nino Di Matteo

CataniaToday è in caricamento