Lunedì, 27 Settembre 2021
Cronaca

Torre Leone, Enel risponde al Sunia: "Non siamo responsabili di ritardi"

"L’azienda ritiene opportuno ricordare che può dar corso all’attivazione di ciascuna fornitura solo a valle della definizione contrattuale che ciascun cliente deve effettuare attraverso uno dei trader operanti in Italia", si legge nella nota

In riferimento all’attivazione delle forniture di energia elettrica a servizio dell’ex “Palazzo di cemento”, nel quartiere Librino di Catania, E-Distribuzione, la società del Gruppo Enel che gestisce la rete elettrica a media e bassa tensione, ritiene opportuno precisare con una nota di "non essere responsabile di alcun ritardo". "Stamattina, infatti, appena ricevuti i necessari ordini di lavoro, i tecnici dell’azienda hanno subito provveduto ad attivare 4 forniture, di cui 2 per suo domestico e 2 per usi comuni (scala e ascensore) - continua la nota- L’azienda ritiene opportuno ricordare che può dar corso all’attivazione di ciascuna fornitura solo a valle della definizione contrattuale che ciascun cliente deve effettuare attraverso uno dei trader operanti in Italia. Man mano che giungeranno i rispettivi ordini di lavoro, sarà cura dell’azienda attivare le altre forniture nel minor tempo possibile e, comunque, nel rispetto dei tempi stabiliti dalla competente Autorità".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Torre Leone, Enel risponde al Sunia: "Non siamo responsabili di ritardi"

CataniaToday è in caricamento