Traghetto diretto a Catania fermo in mare da stanotte

I passeggeri sono preoccupati e denunciano la mancanza di informazioni. Il mezzo è salpato nella notte da Salerno

Il traghetto "Egnazia", della compagnia Grimaldi, con 250 persone a bordo, partito la notte scorsa da Salerno e diretto a Catania, è fermo da molte ore in mare. La segnalazione arriva da diversi passeggeri a bordo che denunciano la mancanza di informazioni sullo stato del viaggio.

Sembrerebbe - secondo alcune ricostruzioni - che la nave sia spenta e non è possibile utilizzare i bagni. Il traghetto sarebbe dovuto partire ieri alle 22, ma è salpato soltanto a notte inoltrata. Poi durante la navigazione ci sono stati dei problemi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In aggiornamento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollo auto 2020 - Come presentare la richiesta di esenzione e rimborso

  • Coronavirus e Dpcm, Musumeci: "Ci permettano di aprire fino alle 23 ristoranti, bar, pizzerie"

  • Conte firma nuovo Dpcm, bar e ristoranti chiusi alle 18: superata ordinanza di Musumeci

  • Coronavirus, coprifuoco dalle 23 e limitazione negli spostamenti: ecco la nuova ordinanza di Musumeci

  • Pronta ordinanza anticovid di Musumeci: coprifuoco dalle ore 23 e scuole superiori chiuse

  • Coronavirus, oggi la nuova ordinanza del presidente Musumeci

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento