menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tre donne africane lasciate a terra dal pullman a Catania, proteste

Tre donne di colore stavano sistemando i bagagli nella stiva del pullman quando l'autista ha chiuso il portellone e la bussola ed è partito, lasciandole a terra

Tre donne di colore stavano sistemando i bagagli nella stiva del pullman quando l'autista ha chiuso il portellone e la bussola ed è partito, lasciandole a terra. Inutili le proteste di un uomo di colore che era salito sul mezzo per mostrare al conducente i biglietti acquistati anche per le tre donne e di un dipendente che ha cercato di attirare l'attenzione del collega battendo la mano sul finestrino.

E' accaduto stamani nel piazzale dei pullman di Catania, il mezzo era diretto a Taormina. L'azienda Etna trasporti esclude che si sia trattato di un gesto di razzismo da parte dell'autista, "anche perché - dice il direttore Mario Nicosia - nel pullman c'erano già persone straniere e se l'autista fosse stato razzista non avrebbe fatto salire nemmeno loro".

Ma alcuni testimoni smentiscono la versione aziendale, anche perché il pullman sarebbe partito con diversi posti vuoti; tra i testimoni anche il collega del conducente. "L'autista lascia a terra un gruppo di africane che stavano per salire sull'Interbus per Taormina - scrive Franca Scardilli su Facebook dopo avere assistito alla scena". Poi aggiunge: "Speriamo che questa storia abbia un po' di risonanza, in questo momento storico, bisogna raccontare le ingiustizie. E intervenire finché si può"

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Probiotici: cosa sono e perchè fanno bene

Cura della persona

Pancia piatta? Ecco il massaggo fai-da-te

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Etna in attività: ancora cenere vulcanica sui paesi etnei

  • Politica

    Espulsa dal M5S anche la deputata etnea Simona Suriano

  • Politica

    L'ex presidente Lombardo: "Mai avuto nulla da spartire con i mafiosi"

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento