Trecastagni, fa incendiare le auto dell'ex compagna: denunciato

Un 29enne per minacciare l'ex convivente che l'aveva lasciato commissionava incendi ai danni delle auto della donna

Un 29enne di Trecastagni non accettava la fine della relazione con l'ex convivente, una donna di 37 anni,  alla quale aveva fatto incendiare 3 auto. Con l'aiuto di un disoccupato 31enne di Trecastagni l'uomo, già lo scorso 23 luglio, aveva fatto dare fuoco alla Volkswagen Passat che l'ex compagna aveva parcheggiato sotto casa.

La donna aveva poco dopo acquistato un' Opel Corsa che il 22 agosto scorso aveva poi trovato distrutta dalla fiamme. Così con l'aiuto dei carabinieri la 37enne aveva deciso di installare alcune telecamere, che la scorsa notte, hanno ripreso il piromane mentre ricopriva di liquido infiammabile l'ultimo veicolo acquistato dalla donna, un' Opel Astra.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I militari intervenuti sul posto insieme ai vigili del fuoco di Acireale hanno immediatamente analizzato le immagini e identificato l'incendiario. L'uomo, portato in caserma ha confessato di essere l'autore dei tre incendi. Arrestato è stato portato nel carcere di piazza Lanza. L'ex convivente invece è stato denunciato con l'accusa di atti persecutori e incendio doloso in concorso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente stradale al viale Mario Rapisardi, scontro tra un camion e un'auto: morta una donna

  • Motociclista 47enne in gravi condizioni al Cannizzaro

  • Prezzi delle case a Catania: la mappa zona per zona

  • Coronavirus, in Sicilia due nuovi casi e un morto

  • Superbonus edilizia: "Accelerare i tempi, serve meno burocrazia"

  • Coronavirus, in Sicilia situazione stabile: scoperto un nuovo caso

Torna su
CataniaToday è in caricamento