Tremestieri Etneo, incontro con gli insegnanti dell'Erasmus plus

L'amministrazione ha accolto i docenti stranieri che partecipano al progetto con le scuole del territorio

Il Sindaco Santi Rando ha accolto gli insegnanti del progetto ‘Erasmus plus’ per il terzo anno consecutivo che vede coinvolto l’istituto comprensivo “Edmondo De Amicis", le scuole: “Manuel Pacheco” di Spagna; il Centro educativo “Eb1/Da Lombada Ponta da Sol” del Portogallo; Szkola Podstawowa della Polonia ; "Benito Juarez” della Bulgaria e il Centro educativo “Go! Atheneum 1” Belgio. L’incontro si è svolto nella sala consiliare del palazzo di città alla presenza del primo cittadino, gli assessori Evelyn Garofalo, Marcello Testa, Michelangelo Costantino e Sebastiano Caruso con la Consigliera comunale Rossella Romano. Hanno partecipato inoltre, la preside dell’istituto De Amicis Tiziana Anna Palmieri e la professoressa Agata Nicotra coordinatrice del progetto. La scuola “De Amicis", ha dato continuità, al progetto Erasmusplus, coordinato con grande entusiasmo dall’insegnante Agata Nicotra in servizio presso l’Istituto Comprensivo. L’iniziativa è stata inserita, nell’ambito del Programma Europeo per l’istruzione, la formazione, la gioventù e lo sport nel progetto: “Armonia. Costruire Spazi di Dialogo Inclusivo Attraverso la partecipazione e la Creazione”.

Spiega la dirigente dell’Istituto De Amicis Tiziana Palmieri: "Si tratta di uno scambio culturale che inizia dal presupposto di permettere a tutti, senza eccezione, di cercare l’armonia delle differenti culture nella diversità delle aule, praticare l’empatia verso gli altri, per garantire interazione, inclusione ed equità di tutta la scolaresca e gestire canali positivi di comunicazione verbale e non verbale, per favorire l’interazione, la coesione e l’intendimento". La Palmieri ha inoltre aggiunto: "Il nostro principale obiettivo è intervenire nella vita quotidiana delle classi nelle quali si presenta questo problema sociale cooperando, innovando, scambiando e implementando strategie e metodologie per aumentare l’empatia verso le altre culture, permettendo alla nostra scolaresca di valutare che le differenze ci uniscono e arricchiscono più che separarci".

Il sindaco Rando con soddisfazione ha affermato: "La collaborazione attiva con le scuole del territorio e l’apertura verso il mondo europeo sono evoluzioni per le quali un’amministrazione comunale moderna non può sottrarsi e da cui piuttosto non può che trarre giovamento. Abbiamo deciso di accogliere la delegazione straniera offrendo loro dei doni in pietra lavica. Ringrazio i rappresentanti delle scuole straniere per averci offerto dei doni che rappresentano la cultura dei loro Paesi".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Oltre ad apprendere usanze e simboli di culture vicine e complementari alla nostra - ha concluso il sindaco Santi Rando - abbiamo avuto il piacere ancora una volta di dimostrare l’accoglienza tipica siciliana ai nostri graditi ospiti, anche con lo scambio di alcuni simbolici omaggi dei nostri rispettivi paesi e la consegna di attestati di merito alle responsabili delle scuole europee che hanno pertecipato. Ormai da diversi anni abbiamo creato con le scuole partecipanti al progetto un importante dialogo interculturale tra comunità e istituzioni scolastiche che contribuisce all’arricchimento e alla crescita di tutti i soggetti protagonisti di questo significativo progetto".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Incidente sulla Palermo-Catania, illeso il cantante neomelodico De Martino: morto un 60enne

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Coronavirus, impennata dei contagi in Sicilia (+578) e 10 morti: a Catania 154 nuovi casi

  • Voleva dimagrire, muore dopo una settimana di prodotti sostitutivi: indagati due medici

  • Arrestato anche il secondo rapinatore della gioielleria di via Umberto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento