Trentennale della morte di Beppe Montana, tre giorni per ricordarlo

Ne hanno parlato nella sede della Quarta municipalità il fratello del commissario, Dario, e l'assessore D'Agata. Domenica una regata, lunedì un quadrangolare di calcetto e un concerto e martedì un convegno con il sindaco Bianco, don Ciotti, il questore Cardona, il giornalista Bolzoni sul tema "La memoria libera il futuro"

Sono state illustrate nella sede della Quarta municipalità le iniziative organizzate da Libera con il patrocinio del Comune di Catania per il trentennale della morte di Beppe Montana, il commissario di polizia ucciso dalla mafia a Porticello. "Uno dei principali impegni di Libera - ha sottolineato Dario Montana, fratello del Commissario - è quello di tener viva la memoria di tutte le vittime innocenti delle mafie per la costruzione di una nuova società libera, appunto, dalle mafie, dalla corruzione e dal malaffare".

"Il Comune di Catania - ha aggiunto l'assessore alla Legalità, Rosario D'Agata, intervenuto in rappresentanza del sindaco Enzo Bianco - crede in questo impegno e sta facendo quanto in suo potere per la sua realizzazione". Tra gli interventi, quello di Maria Randazzo, direttore dell'Istituto penitenziario per i minori di Bicocca, che ha sottolineato come in molte delle iniziative del trentennale siano coinvolti giovani dell'area penale "proprio per favorire la loro integrazione".

Le iniziative in ricordo di Montana sono articolate in tre giornate. Domenica 26 luglio alle 9,30 nel porto di Catania si svolgerà - in collaborazione con Centro Koros, Unione Italiana Vela Solidale, Comunità di Sant'Egidio e Cooperativa Prospettiva -, "Venti liberi", una regata con equipaggi composti da ragazzi provenienti dall’area penale di Catania e Acireale e con alcuni migranti. La premiazione si svolgerà alle 20,30 nella piazza Beppe Montana e seguirà un concerto con Borchio and the Reefs, Chant Faye, Chicat e Archinuè.

Lunedì 27 luglio alle 18, sempre in piazza Beppe Montana si svolgerà il quadrangolare di calcetto "Nella stessa squadra", organizzato in collaborazione con gli Istituti penitenziari di Acireale e Bicocca, il Tribunale per i Minorenni, l'Ufficio servizio sociale per i minorenni (Ussm), la cooperativa sociale Prospettiva, la Comunità di Sant'Egidio e la parrocchia del quartiere. Ogni singola squadra sarà composta da un magistrato o un poliziotto, un rappresentante di Libera, un migrante, un ragazzo dell’area penale e un altro del quartiere di San Giovanni Galermo. Martedì 28 luglio alle 10, nella Chiesa dei Minoriti, sarà celebrata una Messa della Polizia di Stato e in mattinata come ogni anno si svolgerà una raccolta di sangue in piazza Santa Nicolella. Alle 18, nel Cortile Platamone, avrà luogo il convegno "La memoria libera il futuro" che avrà un'introduzionee dell'orchestra Musicainsieme di Librino. Al convegno saranno presenti il sindaco di Catania Enzo Bianco, don Luigi Ciotti, presidente di Libera, il Questore di Catania Marcello Cardona, il giornalista Attilio Bolzoni, Dario Montana di Libera Catania, e Vincenza Speranza e Maria Pia Fontana dell'Ussm.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

  • Ritrovato cadavere di un uomo carbonizzato: indagano i carabinieri

  • Un incendio per disfarsi delle cimici, smantellate due piazze di spaccio: 16 arresti

Torna su
CataniaToday è in caricamento